Dalla musica classica alle Soundtracks

Dalla musica classica alle Soundtracks

Nella storia della musica, la musica classica propriamente detta, anche periodo classicoepoca classica, è la musica composta fra il barocco e il romanticismo, ovvero nella seconda metà del Settecento, con appendice nella prima parte dell’Ottocento, fino agli anni immediatamente successivi al Congresso di Vienna.

Il polo del movimento classicista è in particolare Vienna (tanto che si parla di Classicismo viennese o Wiener Klassik), città dove operavano Franz Joseph HaydnWolfgang Amadeus Mozart, e Ludwig van Beethoven, i tre più grandi protagonisti della stagione classicista. (e chiaramente tanti altri)

Per quanto riguarda Wolfgang Amadeus Mozart è vissuto nel periodo (Salisburgo27 gennaio 1756 – Vienna5 dicembre 1791) un talento innato, da bambino dimostrò un talento per la musica tanto precoce quanto straordinario, un vero e proprio bambino prodigio: a 3 anni batteva i tasti del clavicembalo, a 4 suonava brevi pezzi e a già 5 componeva alcune composizioni come ad esempio un “Andante e Allegro” o come l'”Allegro” ed il “Minuetto” scritti tra l’11 ed il 16 dicembre 1761, composizioni oggi note col nome “Wolfgangerl Compositiones”. Esistono vari aneddoti riguardanti la sua memoria prodigiosa, la composizione di un concerto all’età di 5 anni, la sua gentilezza e sensibilità e la sua paura per il suono della tromba. Aveva inoltre la capacità di riconoscere l’altezza dei suoni (il cosiddetto orecchio assoluto).

 

E cosa faceva per vivere ? come raccontano nel film Amadeus (1984) inseguiva re e principi, signorotti, vescovi per farsi assegnare le commesse per lavorare, con esiti economici non sempre soddisfacenti, viaggiò in oltre in tutta Europa anche varie volte in Italia tra qui anche a Napoli, di seguito la mappa che mostra i principali luoghi visitati dalla famiglia Mozart durante il primo viaggio, dal dicembre 1769 al marzo 1771: la linea nera mostra il percorso di andata fino a Napoli; la linea verde indica invece le tappe del viaggio di ritorno.  La qualità e la quantità della musica prodotta a Napoli indusse il padre Leopold in una lettera al figlio del 23 febbraio del 1778 ad affermare :

Adesso la questione è solo: dove posso avere più speranza di emergere? forse in Italia, dove solo a Napoli ci sono sicuramente 300 Maestri […] o a Parigi, dove circa due o tre persone scrivono per il teatro e gli altri compositori si possono contare sulle punte delle dita?

Non era facile la vita per un compositore all’epoca, e non è facile neanche oggi.

Artisti e compositori prima di affermarsi hanno dovuto trovare una stabilità economica nel caso di quell’epoca tramite il patronato aristocratico e poi curare la vena artistica misurandosi tra successi e fallimenti.

Principe, ciò che siete, lo siete in occasione della nascita. Ciò che sono, lo sono per me. Principi ce n’è e ce ne saranno ancora migliaia. Di Beethoven ce n’è soltanto uno.

(Biglietto di Beethoven al principe Lichnowsky, ottobre 1806)

A questo punto cos’è la musica classica ai giorni nostri ? Come vive la musica classica oggi ?

Credo che l’unica reale risposta sia nelle soundtracks per i Flim, infatti Hollywood e le altre produzioni, come un patronato aristocratico, danno lavoro ed impegno agli odierni compositori, che hanno la possibilità di testare nuove tecniche e nuovi strumenti musicali elettronici e computerizzati.

Le Soundtracks oggi sono effimere a loro stesse, cioè create per il Film, vivono solo per esso e a giusto titolo sono viste come delle stelle comete…ma danno la possibilità di formare ed affermare i compositori ricreando alla fine quel meccanismo che ha dato vita alla musica classica stessa. Ma nei nostri accelerati tempi.

L’arte è arte, anche se effimera e fine a se stessa. Ed è giusto che vada riconosciuta e premiata, ed ora veniamo alla premiazione del Golden globe 2016 per la colonna sonora di The Hateful Eight composta dal Maestro Ennio Morricone ritirato dal regista Quentin Tarantino

Don’t mean movie composer that ghetto, I’m talking about Mozart, I’m talking about Beethoven, I’m talking about Schubert.
That’s who i’m talking about

Traduzione :

Non intendo un compositore di film di ghetto, io parlo di un Mozart, io parlo di un Beethoven, io parlo di un Schubert.
Ecco di chi sto parlando.

Su questo discorso di Tarantino in un’intervista Ennio Morricone dirà che Quentin : “ha esagerato…” ma grazie a questa esagerazione il Maestro proprio nel 2016 finalmente vincerà un premio Oscar per la colonna sonora di The Hateful Eight (nel 2007 aveva vinto un premio Oscar alla carriera un premio onorario)

Ma oggi come oggi che cosa deve comporre un Maestro affinché questa possa essere definita : Un’opera ?

Il Maestro Ennio Morricone dichiarò che le sue composizioni per lui sono tutte belle e meravigliose, perché c’ha messo tutto il suo impegno ed ispirazione…ma Mission (1986) non è stata ispirazione, Mission è stata di più, è stata un’illuminazione …qualcosa cioè che viene non dall’interno del proprio genio, ma da qualcosa o qualcuno ch’è più in alto, dall’esterno !
N.B. Ho preso Ennio Morricone come modello ma la filosofia è da ribaltare su tutti i compositori di Soundtracks esistenti oggi.

Che un giorno sia resa giustizia a tutti !

The Mission

The Mission (1986) Mission

ENG

The film is set in the 1740s and involves Spanish Jesuit priest Father Gabriel (Jeremy Irons) who enters the northeastern Argentina and western Paraguayan jungle to build a mission station and convert a Guaraní community to Christianity. The Guaraní community is not initially receptive to Christianity or outsiders in general, shown by the opening scene where they tie a priest to a wooden cross and send him over the Iguazu Falls, a large waterfall they live above. Father Gabriel travels to the falls, climbs to the top, and plays his oboe. The Guaraní warriors, captivated by the music, allow him to live.

Mercenary and slaver Rodrigo Mendoza (Robert De Niro) makes his living kidnapping natives such as the Guarani community and selling them to nearby plantations, including the plantation of the Spanish Governor Don Cabeza (Chuck Low). After returning from another kidnapping trip Mendoza is told by his assumed fiancée, Carlotta (Cherie Lunghi), that she loves his younger half-brother Felipe (Aidan Quinn). Mendoza later finds them in bed together and in a fit of rage kills Felipe in a duel. Although he is acquitted of the killing by Cabeza, Mendoza spirals into depression. Father Gabriel visits and challenges Mendoza to undertake a suitable penance. Mendoza accompanies the Jesuits on their return journey, dragging a heavy bundle containing his armour and sword. After initially tense moments upon reaching the outskirts of the natives’ territory, though they recognize him, the natives embrace a tearful Mendoza and cut away his heavy bundle.

Father Gabriel’s mission is depicted as a place of sanctuary and education for the Guaraní. Moved by the Guaraní’s acceptance, Mendoza wishes to help at the mission and Father Gabriel gives him a Bible. In time, Mendoza takes vows and becomes a Jesuit under Father Gabriel and his colleague Father Fielding (Liam Neeson).

The Jesuit missions were safe because they were protected under Spanish law. The Treaty of Madrid (1750) reapportioned South American land the Jesuit missions were located on, transferring the area to the Portuguese who allowed slavery. The Portuguese colonials seek to enslave the natives, and as the independent Jesuit missions might impede this, Papal emissary Cardinal Altamirano (Ray McAnally), a former Jesuit priest himself, is sent from the Vatican to survey the missions and decide which, if any, should be allowed to remain.

Under pressure from both Cabeza and Portuguese Governor Don Hontar (Ronald Pickup), Cardinal Altamirano is forced to choose between two evils. If he rules in favour of the colonists, the indigenous peoples will become enslaved; if he rules in favour of the missions, the entire Jesuit Order may be condemned by the Portuguese and the European Catholic Church could fracture. Altamirano visits the missions and is amazed at their industry and success, both in converting the Indians and, in some cases, economically. At Father Gabriel’s mission of San Carlos he tries to explain the reasons behind closing the mission and instructs the Guaraní that they must leave because it is God’s will. The Guaraní question the validity of his claim, and argue God’s will was to settle and develop the mission. Father Gabriel and Mendoza, under threat of excommunication, state their intention to defend the mission alongside the Guaraní if the plantation owners and colonists attack. They are, however, divided on how to do this, and they debate how to respond to the impending military attack. Father Gabriel believes that violence is a direct crime against God. Mendoza, however, decides to break his vows to militarily defend the Mission. Against Father Gabriel’s wishes, he teaches the natives the European art of war and once more takes up his sword.

When a joint Portuguese and Spanish force attack, the mission is initially defended by Mendoza, Fielding and the Guaraní. They are no match for the military force and Mendoza is shot and fatally wounded after the soldiers destroy a trap, allowing them to enter the village. Fielding sacrifices himself by killing the Portuguese commander before he is killed. Upon seeing the Church at the mission village the soldiers become reluctant to fire. When the soldiers enter the mission village, they encounter the singing of Father Gabriel and the Guaraní women and children who march in the procession. Fr. Gabriel leads carrying a monstrance with the Blessed Sacrament. In spite of this, the Spanish commander orders the attack and Father Gabriel, the rest of the priests and most of the Guaraní, including women and children, are gunned down. After Fr. Gabriel is shot, a child picks up the Blessed Sacrament and leads the procession. Only a handful escape into the jungle.

In a final exchange between Cardinal Altamirano and Don Hontar, Hontar laments that what happened was unfortunate but inevitable because “we must work in the world; the world is thus.” Altamirano replies, “No, thus have we made the world. Thus have I made it.” Days later, a canoe of young children return to the scene of the Mission massacre and salvage a few belongings. They set off up the river, going deeper into the jungle, with the thought that the events will remain in their memories. A final title declares that many priests continue to fight for the rights of indigenous people. The text of John 1:5 is displayed: “The light shineth in the darkness, and the darkness hath not overcome it.”

Music by Ennio Morricone

The Mission soundtrack was written by Ennio Morricone. Beginning with a liturgical piece (On Earth as It Is in Heaven) which becomes the “Spanish” theme, it moves quickly to the “Guaraní” theme, which is written in a heavily native style and uses several indigenous instruments. Later, Morricone defines the “Mission” theme as a duet between the “Spanish” and “Guaraní” themes. Other themes throughout the movie include the “Penance”, “Conquest”, and “Ave Maria Guaraní” themes. In the latter, a large choir of indigenous people sing a haunting rendition of “Ave Maria” in their native language.

ITA

Sud America 1750, nella piccola foresta pluviale sopra le Cascate dell’Iguazú al confine tra ArgentinaBrasile e Paraguay. Padre Gabriel è il primo missionario gesuita che si arrampica sulle cascate e grazie alla musica del suo oboe riesce ad avvicinarsi amichevolmente alla tribù di Indios, ancora allo stato selvaggio. Essi in passato avevano già fatto martire un gesuita che aveva tentato di convertirli alla fede di Dio, e legato ad una croce venne gettato vivo nel fiume Iguazú per morire precipitando nelle cascate. Nel frattempo in Argentina, in una piccola cittadina nella provincia di Misiones, un cacciatore di schiavi spagnolo, Rodrigo Mendoza, uccide per gelosia in un duello pubblico suo fratello Felipe, dopo aver scoperto che questi aveva una relazione con Carlotta, donna amata da entrambi. Travolto dal rimorso, Mendoza decide di lasciarsi morire in cella, ma padre Gabriel, venuto a sapere dell’accaduto, lo convince a trasformare il suo rifiuto della vita in una penitenza con la quale possa espiare le proprie colpe facendolo salire sulle cascate segno del purgatorio poiché tutti quelli del purgatorio possono arrivare al paradiso. La penitenza si traduce in un faticoso trasporto di attrezzature sopra cascate e dirupi molto scoscesi, ultimatolo Rodrigo decide di mettersi al servizio dei missionari e degli indios scegliendo di prendere i voti per diventare anche lui un missionario gesuita. I missionari con il tempo hanno realizzato varie missioni tra gli indios costruendo un vero e proprio villaggio situato nel Rio Grande del Sud e offrendo protezione agli Indios ed evitando loro di essere ridotti in schiavitù a lavorare nelle piantagioni, ma proprio questa finalità allarma i rappresentanti dei coloni spagnoli e portoghesi che iniziano a vedere queste missioni come scomode e potenziali minacce per i loro affari economici. Dopo il Trattato di Madrid i coloni accolgono un inviato pontificio ovvero il cardinale Luis Altamirano che, nonostante riconosca la grande bontà delle missioni gesuite, ordina ai religiosi di abbandonarle per accogliere le richieste dei sovrani europei.

Messi a conoscenza di questa decisione, gli indios rifiutano di lasciare le terre di São Miguel das Missões e decidono di combattere per difenderle, guidati in primis dal redento padre Rodrigo, divenuto amico di un bambino del villaggio; quest’ultimo riuscirà a trovare in riva alle cascate la spada che apparteneva a Rodrigo, da lui stesso gettata in acqua insieme a tutte le sue armi come segno del suo cambiamento di vita. Tutti i gesuiti rimangono con gli indios che li hanno accolti e con i quali nel tempo si è stretto un forte legame di fratellanza: padre Gabriel rifiuta la violenza e celebra una messa nel villaggio con donne e bambini durante i combattimenti, mentre gli altri missionari come Fielding e Ralph scelgono di combattere accanto ai Guaranì con Rodrigo. Nello scontro sul fiume, Fielding sacrifica la propria vita per uccidere il capo dell’esercito nemico sulle cascate attirandovi il suo kayak e padre Ralph viene ucciso poco dopo da un colpo di mortaio. I guaranì, purtroppo, vengono tragicamente sconfitti: nella struggente scena finale della battaglia Mendoza si adopera per far saltare il solo ponte di collegamento del villaggio, ma si distrae per aiutare un bambino e nel frattempo i nemici disinnescano la trappola. Davanti alla sua impotenza i portoghesi ridono di lui (in occasioni precedenti, un identico comportamento aveva suscitato la sua reazione violenta), e immediatamente gli sparano. Ormai a terra, il suo ultimo sguardo è rivolto verso padre Gabriel in processione con in mano l’ostensorio, ed esala l’ultimo respiro quando anche il suo redentore, che avanzava apparentemente intoccabile in mezzo a spari ed esplosioni, viene colpito a morte. Il film si conclude con la distruzione del villaggio e la sconfitta dei coloni Guaranì rimasti, fatti diventare schiavi. Solo un gruppo di bambini della tribù riesce a salvarsi dal massacro e abbandona il villaggio ormai distrutto, deserto e ridotto in cenere. I giovani ritrovano un violino e qualche oggetto usato nella guerra e con questi fuggono con una canoa nella foresta.

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=oag1Dfa1e_E

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=lAoT2ktM2H0

Mission The Making of Roland Joffé’s

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=oVvkdV3ytbc

Video link : https://ok.ru/video/292327459454

Mission2

https://ok.ru/video/292327459454

Track list :

  1. On Earth As It Is In Heaven – 3:50
  2. Falls – 1:55
  3. Gabriel’s Oboe – 2:14
  4. Ave Maria Guarani – 2:51
  5. Brothers – 1:32
  6. Carlotta – 1:21
  7. Vita Nostra – 1:54
  8. Climb – 1:37
  9. Remorse – 2:46
  10. Penance – 4:03
  11. The Mission – 2:49
  12. River – 1:59
  13. Gabriel’s Oboe – 2:40
  14. Te Deum Guarani – 0:48
  15. Refusal – 3:30
  16. Asuncion – 1:27
  17. Alone – 4:25
  18. Guarani – 3:56
  19. The Sword – 2:00
  20. Miserere – 1:00

>> Complete soundtrack link : https://ok.ru/video/292327459454

Complete Movie ITA 720p link : https://ok.ru/video/92862810704