Labyrinth

Labyrinth (1986) Labytinth – Dove tutto è possibile

« Con rischi indicibili e traversie innumerevoli io ho superato la strada per questo castello oltre la città dei Goblin, per riprendere il bambino che tu hai rapito. La mia volontà è forte come la tua e il mio regno altrettanto grande. Non hai alcun potere su di me! »
(Sarah a Jareth)

ENG

Fifteen-year-old Sarah Williams rehearses a play in the park with her dog Merlin but becomes distracted by a line she is unable to remember while being watched by a barn owl. Realizing she is late to babysit her baby brother Toby, she rushes home and is confronted by her stepmother Irene before she and her father Robert leave for dinner. Sarah has many toys that she has grown out of and realizes that Toby is in possession of her treasured teddy bear Lancelot. Frustrated by this and his constant crying, Sarah rashly wishes Toby be taken away by the Goblin King Jareth, a character in the play she is rehearsing. She is shocked when Toby disappears and the Goblin King confronts her then transports her to his kingdom. He refuses to return the baby, but gives Sarah thirteen hours to solve his Labyrinth and find him before Toby is turned into a goblin forever. Sarah meets a dwarfish man named Hoggle, who aids her in entering the Labyrinth. She has trouble finding turns and corners but then meets a talking worm who inadvertently sends her in the wrong direction.

Sarah ends up in an oubliette where she reunites with Hoggle. After they confront Jareth and escape one of his traps, the two encounter a large beast named Ludo. Hoggle cowardly flees while Sarah befriends Ludo. After another riddle, she loses him in a forest. Hoggle encounters Jareth, who gives him a peach and instructs him to give it to Sarah, calling his loyalty into question as he was supposed to lead her out of the maze. Sarah is assaulted by a group of creatures called Firies with detachable body parts who try to remove her head, but Hoggle comes to her aid. She kisses him, and Jareth magically sends them to the swamp of the Bog of Eternal Stench as punishment, where they reunite with Ludo. Sarah, Hoggle, and Ludo meet a guard of the bridge out of the swamp named Sir Didymus, an anthropomorphicfox and his Old English Sheepdog steed named Ambrosius. After Ludo howls and summons a trail of rocks to save Sarah from falling into the bog, Didymus joins the group (Her three new friends are just like some of the toys in her room). After the group gets hungry, Hoggle gives Sarah the peach and runs away as she falls into a trance and begins to lose her memories. She has a dream where Jareth comes to her at a masquerade ball, proclaiming his love for her, but she begins to remember and escapes, falling into a junkyard. After an old Junk Lady fails to brainwash her and her memory is jogged, she is rescued by Ludo and Didymus, and they are right outside Goblin City near Jareth’s castle. They are confronted by the gate guard, but Hoggle bravely comes to their rescue. Despite his feeling unworthy of forgiveness for his betrayal, Sarah and the others welcome him back, and they enter the city together.

Jareth is alerted to their presence and sends his goblin army to stop them, but Ludo howls and summons a mountain of rocks to chase the guards away, and they enter the castle. Sarah insists she must face Jareth alone and promises to call the others if needed. In a room modeled after an Escher staircase, she confronts Jareth while trying to retrieve Toby. She recites the lines from her play, that have told her adventure to that point, but still cannot remember the last line. As Jareth begs her to obey him and he will love her, she remembers the line, “You have no power over me!” Defeated at the last second, Jareth returns Sarah and Toby home safely and turns into a barn owl, flying away.

Realizing how important Toby is to her, Sarah gives him Lancelot and returns to her room. After she hears her father and stepmother come in, she sees her friends in the mirror and realizes even though she is growing up, she still needs them in her life every now and again. In an instant, all of the major characters from the Labyrinth appear in her room for a raucous celebration, and she reunites with Hoggle, Ludo, Didymus, and Ambrosius. As they celebrate, Jareth, in his owl form, watches from outside and then flies away into the night.

Music by Trevor Jones

ITA

Sarah è una quindicenne figlia di genitori separati; la madre è una attrice famosa, mentre il padre si è risposato con una donna che lei non accetta (in realtà la matrigna non è ostile, anzi cerca a volte di aiutarla ma lei rifiuta ogni contatto) e si rifugia costantemente in un mondo di fiabe e balocchi. Una sera la ragazza deve fare da baby sitter al nuovo fratellino (avuto dal padre con la nuova compagna, e per questo odiato da Sarah), spaventato dal temporale.

Sarah prova a calmare le sue urla raccontandogli la storia, contenuta nel suo libro preferito (intitolato The Labyrinth), che narra di una ragazza che ha ricevuto dei poteri speciali dal Re dei Goblin. Nel libro la ragazza non sopporta più la sua vita e desidera che gli gnomi portino via suo fratellino. Non appena Sarah termina di raccontare al piccolo la storia spegne la luce, esclamando “Spero proprio che gli gnomi ti portino via, all’istante“. Immediatamente, il pianto di Toby tace, e Sarah entra nella stanza per scoprire che gli gnomi lo hanno rapito davvero.

Appare un barbagianni che si trasforma nel Re dei Goblin, Jareth, e le rivela di aver rapito il bambino come lei ha chiesto e di essere venuto per farle un dono in cambio: una piccola sfera di cristallo in cui, dice, sono contenuti i suoi sogni. Offeso ma scherzoso, quando lei rifiuta il dono e dice di rivolere il bambino indietro, Jareth le dà 13 ore per trovare Toby prima che diventi anch’egli uno gnomo. Così Sarah, pentitasi, deve trovare al più presto una strada per il centro di un fantastico labirinto e poter riportare così Toby a casa.

Il labirinto si rivela molto complicato da attraversare, costellato di puzzle e test. Sarah incontra per primo Gogol, un nano (o gnomo) che spruzza veleno alle fate all’entrata del labirinto. Lei lo paga con un suo braccialetto per farsi guidare al centro del labirinto. Più tardi Gogol si rivela essere la paurosa ed esitante spia di Jareth, tuttavia alla fine parteggerà per Sarah. Gli altri compagni di avventura sono Sir Didymus, una cavalleresco cane yorkshire che cavalca un cane da pastore e sta di guardia ad un ponte per mantenere un sacro (ed insignificante) giuramento, e Bubo, un gentile bestione che Sarah salva da alcuni scagnozzi di Jareth. Dopo molte disavventure, incluso l’incontro di Sarah con degli scatenati folletti con gli arti smontabili che provano a staccare la testa della protagonista, una deviazione imprevista alla Gora dell’Eterno Fetore, ed una allucinazione dovuta ad una pesca avvelenata provocata da Jareth, Sarah arriva al castello e alla sua squallida città, situati al centro del labirinto.

L’apice del film si ha nel castello multidimensionale di Jareth, ispirato ai quadri di M. C. Escher, dove egli, ormai innamorato di Sarah, prova a confonderla e spaventarla, facendo un ultimo appello chiedendole di diventare la sua regina. Lei però lo rifiuta, ripetendo, durante il rintocco dell’ultima delle tredici ore concessegli da Jareth, la frase che non ricordava mai quando provava ad interpretare la protagonista del suo libro preferito: “Tu non hai alcun potere su di me”. La stanza in cui si trovano crolla e Sarah si ritrova nell’ingresso di casa con l’orologio che batte la mezzanotte e un barbagianni che vola via, presumibilmente Jareth sconfitto.

Nella sua stanza, Sarah raccoglie alcuni dei suoi giocattoli e ritorna nella stanza di Toby per ridargli il suo orsacchiotto Lancillotto felice che ora sia suo e che gli farà compagnia mente dorme. Sara capisce finalmente i suoi sbagli volendo finalmente bene al suo fratellino. Tornata in camera si libera di tutte le cose sulla sua toeletta (pupazzi, trucchi, corone di plastica) ed è chiaramente confusa, non sapendo se questa è la svolta decisiva nella sua vita fra essere una adulta o rimanere una giovane ragazza. Appaiono in seguito Gogol, Bubo e Sir Didymus come immagini nello specchio. Loro sembrano accomiatarsi da lei non appena Sarah si lascia dietro le fantasie dell’infanzia, ma le ricordano che ci saranno sempre “se dovessi aver bisogno di noi”. Sarah, comunque, insiste che anche quando lei diventerà matura, avrà sempre bisogno di loro, e il film si chiude con tutte le creature di Labyrinth che celebrano il rifiuto di Sarah di abbandonare la sua immaginazione. Fuori dalla finestra, il barbagianni Jareth osserva la festa nella camera di Sara e vola via verso la luna.

Musiche Trevor Jones, canzoni di David Bowie

Jarreth0

labyrinth-1986

109342676

152457971

106951461

Labyrinth1

The Making of Labyrinth link : https://www.youtube.com/watch?v=VFQCg0rpBK8

Behind The Scenes: Sarah Audition link : https://www.youtube.com/watch?v=XvjCG3MsaEc

Labyrinth Ballroom Scene link : https://www.youtube.com/watch?v=0nSzSfmC4MI

Labyrinth complete soundtrack link : https://ok.ru/video/301390826110

Track List :

  1. Opening Titles Including Underground
  2. Into The Labyrinth
  3. Magic Dance
  4. Sarah
  5. Chilly Down
  6. Hallucination
  7. As The World Falls Down
  8. The Goblin Battle
  9. Within You
  10. Thirteen O’Clock
  11. Home At Last
  12. Underground

Film completo in ITA 720p link : https://ok.ru/video/92875852368