Dark Blue World

Dark Blue World (2001) Tmavomodrý svět

ENG

In 1950, during the Cold War, František (Franta) Sláma (Ondřej Vetchý) is incarceratedi n Czechoslovakia, because of his prior service in the RAF. His recollections of the war begin in 1939, just days prior to the German invasion of Czechoslovakia. After the invasion, the Czechoslovakian military is disbanded and has to give up its aircraft. However, young pilots Franta and his friend Karel Vojtíšek (Kryštof Hádek), among others, refuse to submit to their occupiers and flee to the United Kingdom to join the RAF.

The British make the Czechoslovaks retrain from the basics, which infuriates them, especially Karel, who is both impatient to fight the Germans and humiliated at being retaught what he already knows. Karel also sees the compulsory English language lessons as a pointless waste of his time.

The RAF is in such a dire need of pilots during the Battle of Britain that eventually the Czech and Slovak airmen are allowed to fly, and after their first sortie, they realise why the British have trained them so intensely: a young Czechoslovak nicknamed “Tom Tom” is shot down by a Messerschmitt Bf 109. Franta becomes the unit commander, with the younger Karel under his charge.

While shooting at a Heinkel He 111 bomber, the rear gunner hits Karel’s Spitfire fighter aircraft. However, he manages to bail out and find his way to a farm. There he meets and falls in love with Susan (Tara Fitzgerald), although she thinks he is far too young. The next day, after returning to the aerodrome, Karel brings Franta to meet Susan. The latter begins to get on well with Susan, although Karel believes that he is still Susan’s boyfriend.

Following a mission to France where the squadron attacks a train, Karel is shot down, but Franta lands and rescues him, a move that shows that their friendship endures. Soon after, Karel learns a sort of love triangle has developed, with Susan being involved with Franta, which leads to a quarrel between the two friends.

A few missions later, while escorting American bombers, Franta’s Spitfire malfunctions and he is forced to ditch into the ocean. His life raft bursts as he tries to inflate it, so Karel decides to drop his own raft, but he flies too low and fatally crashes. The raft emerges from the water, allowing Franta to survive until he is rescued.

Afterward, when the war is over, Franta drives to Susan’s home, only to find her with her injured husband recently returned from fighting overseas. Knowing he has no future with Susan and wanting to preserve her honour, he pretends to have lost his way and asks directions to the next town.

Disappointed by what has happened, Franta returns to Czechoslovakia and finds his old girlfriend has married the neighbourhood jobsworth, has given birth to a child, and has taken over Barča, his dog. All Franta can do is endure the situation as stoically as he can. Arrested and thrown in prison, he only has his memories of his friendship with Karel to sustain him.

Music by Ondřej Soukup

ITA

Questo film/documento-storico è ambientato nell’Europa della seconda guerra mondiale e viene raccontato nel 1950 dai flashback del protagonista, di nome Franta, durante la prigionia in uno dei campi di lavoro russi ricavati, non a caso, dai campi di concentramento e sterminio nazisti. I lager, che durante il conflitto furono utilizzati dai nazisti per la segregazione e lo sterminio degli ebrei, dopo il 1945 servirono ai sovietici per opprimere e sfruttare fino spesso alla morte, i giovani eroi cecoslovacchi di ritorno dagli eserciti Alleati che avevano combattuto il nazismo e che i sovietici temevano potessero ribellarsi al governo comunista, e per questo definiti “nemici del popolo”.

Il protagonista Franta e il suo migliore amico Karel fuggono dalla loro città occupata dai nazisti per raggiungere l’Inghilterra. Delusi per la mancata resistenza cecoslovacca all’occupazione tedesca e desiderosi di contribuire alla lotta contro il nazismo, si arruolano nella RAF essendo entrambi esperti piloti della aviazione militare cecoslovacca. La loro collaborazione, e quella di tanti altri giovani piloti esuli cecoslovacchi riuniti nella RAF, è importante e molto apprezzata dai colleghi britannici. Qui la loro amicizia viene messa a dura prova quando entrambi si innamorano della stessa donna, Susan, giovane sposa di un marinaio britannico disperso in guerra. Le vicende militari e quelle amorose si intrecciano fino quasi a causare la fine dell’amicizia tra i due protagonisti.

Franta pensa addirittura che il compagno abbia tentato di ucciderlo per vendetta durante un’azione aerea, mentre in realtà viene dimostrato, dalle riprese aeree, che gli aveva salvato la vita abbattendo un aereo tedesco. L’amicizia sembra finita, e invece durante l’ennesima azione aerea, Franta finisce nelle gelide acque dell’oceano e l’amico, nel tentativo riuscito di salvarlo, perderà la vita.

Finita la guerra, il marinaio disperso torna a casa e Franta rinuncia all’amore per la giovane donna. Tornato in patria, scopre che durante la sua assenza la situazione è molto cambiata; la sua fidanzata, Hanicka, non lo ha aspettato, si è sposata e ha una figlia, il cane a cui era tanto affezionato era ormai troppo legato alla nuova famiglia e decide di rinunciarvi, e le nuove istituzioni sovietiche, invece di accoglierlo come un eroe, lo dichiarano “nemico del popolo” e lo segregano in uno dei tanti campi di lavoro. Quando nel 1951 questi campi di lavoro furono chiusi, ormai molti degli imprigionati erano morti per le estreme condizioni di vita, i maltrattamenti e lo sfruttamento, e solo nel 1991, dopo 40 anni, furono riabilitati ufficialmente.

Franta sarà uno dei sopravvissuti?
Il finale è “aperto”, anche se fa supporre che sia morto e che sia finito in Paradiso insieme al suo inseparabile amico Karel; infatti la scena finale vede i due volare ancora insieme, con la loro amicizia ricostruita.

Musiche Ondřej Soukup

Gallery – Galleria di immagini

Trailer video link : https://www.youtube.com/watch?v=V0AGG6gc3F0

Video link complete soundtrack : https://www.youtube.com/watch?v=vDq28ea2_QY&list=PL3C1F04146EF48525

Film completo in ITA 360p link : https://ok.ru/video/579060042366

Il segreto del Sahara

Il segreto del Sahara (1988) The Secret of the Sahara

ITA

È il 1925. Desmond Jordan, archeologo statunitense, ritrova un manoscritto e parte per l’Africa alla ricerca della “Montagna Parlante”. L’esplorazione lo conduce nel bel mezzo del Sahara, dove si unisce ad alcuni disertori della Legione Straniera. Ryker, comandante del battaglione, intercetta il gruppo, uccide uno dei commilitoni e riporta gli altri all’accampamento.

Jordan, assetato dalla bramosia di svelare i misteri nascosti dal deserto, tenta la fuga insieme a Orso, uno dei ribelli, e si dirige verso la Montagna. Lo inseguono Ryker ed El Hallem, capo dei predoni del deserto, che nel frattempo sono venuti a conoscenza del motivo del viaggio di Jordan.

Jordan scopre il rifugio degli Uomini della Montagna, ma diventa cieco subito dopo. Gli inseguitori intanto lo raggiungono: Ryker e il suo plotone sterminano l’intera tribù, risparmiando la sola regina Anthea. Questa restituisce la vista all’archeologo che sconfigge poi Ryker grazie al decisivo intervento di un ravveduto El Hallem. Jordan potrà finalmente conoscere il segreto.

Musiche Ennio Morricone

ENG

1925: an American archeologist, Desmond Jordan moves to Africa, seeking the “Speaking Mountain”. This brings him into the middle of the Sahara desert, where he meets some deserters from the French Foreign Legion. Jordan escapes with Orso (Bear) from a siege by Ryker, a lieutenant of the battalion and moves towards the mountain. Ryker and El Hallem, head of local tribes, pursue Jordan, who has gone blind approaching the mountain. The lieutenant gives vent to his violence, murdering some locals and sparing only their queen, Anthea. Later she cures Jordan’s blindness and, together with El Hallem (redeemed), helps the archeologist to defeat Ryker. Eventually, Jordan helps Anthea and Orso discover the secret of the mountain, an alien power that arrived with their ancestors from the stars thousands of years before.

Music by Ennio Morricone

Secret Of The Sahara

Il_segreto_del_Sahara

34-Il-Segreto-del-Sahara

54967

sekret-saharyi

Sahara Dream (Ennio Morricone – Amy Stewart)
Video link : https://www.youtube.com/watch?v=i6dizBXj44g

Sahara Dream Lyrics :

Ooh to dream a dream or two.
Ooh and to believe in you.
Saharan winds to bring me wings to fly
so far away so far so high.
Saharan mystery
will charm the words
that mark the history
of wars and world
I’ll cross the night
and come to you.
You’ll take me to heights
beyond the blue,
the blue of a sweet Saharan dream.
Ooh so far across the dune
Ooh Saharan dream of you.

Complete Soundtrack video link : https://ok.ru/video/322531035774

Playtime: 1:19:59 Track List

01. Secret of the Sahara
02. Red Ghosts
03. Sholomon
04. The Mountain
05. Kerim
06. The Hawk
07. The Golden Door
08. The Myth and the Adventure
09. Anthea and the Desert
10. Farewell Orso
11. Death of Tamameth
12. Secret of the Sahara
13. First Dedication
14. Second Dedication
15. Miriam and Philip
16. Saharan Dream
17. Dance of the Snakes
18. Dance of the Chess Game
19. Meeting Orso
20. Tale from Poland
21. Tuareg
22. Secret of the Sahara

Reply Saharan Dream

Il Segreto del Sahara ITA (Serie Completa) link :
https://dailymotion.com/video/x3cu78n

Excalibur

Excalibur (1981) Excalibur

“Guardate, la spada del potere, Excalibur! forgiata quando il mondo era giovane, e uccelli e bestie e fiori erano tuttuno con l’uomoe la morte non era che un sogno! “

ENG

The sorcerer Merlin retrieves Excalibur from the Lady of the Lake for Uther Pendragon, who secures a brief alliance with Gorlois, the Duke of Cornwall. Uther’s lust for Cornwall’s wife Igrayne soon ruins the truce, and Merlin agrees to help Uther to seduce Igrayne on the condition that he gives Merlin whatever results from his lust. Merlin transforms Uther into Cornwall’s likeness with the Charm of Making. Cornwall’s daughter Morgana senses her father’s mortal injury during his assault on Uther’s camp; and, while Igrayne is fooled by the disguise and Uther impregnates her, Morgana sees through it, watching Uther as Cornwall dies in battle. Nine months later, Merlin takes Uther’s son Arthur. Uther pursues but is mortally wounded by Gorlois’ knights. Uther thrusts Excalibur into a stone, crying that “None shall wield Excalibur, but me!”, and Merlin proclaims, “He who draws the sword from the stone, he shall be king.”

Years later Sir Ector and his sons, Kay and Arthur attend a jousting tournament. Sir Leondegrance wins the chance to try pulling Excalibur from the stone, but he fails. Kay’s sword is later stolen, and Arthur pulls Excalibur from the stone while trying to replace the stolen sword. Word spreads, and Merlin announces to the crowd that Arthur is Uther’s son and, hence, the rightful ruler. Leondegrance immediately proclaims his support for the new king, but not all are willing to accept. While the others argue, Merlin and Arthur enter the forest, where Merlin tells Arthur that he is the rightful king and that the king and the land are one. Overwhelmed, Arthur falls into a long sleep. When he wakes, Arthur goes to aid Leondegrance, whose castle is under siege by Arthur’s enemies, led by Sir Uryens. During the battle, Arthur defeats Uryens and then demands Uryens knight him, handing him Excalibur to do so. Uryens is tempted to kill him but is deeply moved by Arthur’s display of faith and decides to knight him (Merlin is stunned, as this is something he did not foresee). Uryens falls to his knees to declare his loyalty, which leads the others to follow suit. Arthur meets Leondegrance’s daughter Guinevere soon afterwards and is smitten but Merlin foresees trouble.

Years later, the undefeated knight Lancelot blocks a bridge and will not move until he is defeated in single combat, seeking a king worthy of his sword. Lancelot defeats Arthur and his knights, so Arthur summons Excalibur’s magic and defeats Lancelot but breaks Excalibur in the process. Arthur is ashamed of abusing the sword’s power to serve his own vanity and throws the sword’s remains into the lake, while admitting his mistake. The Lady of the Lake offers a restored Excalibur to the king, Lancelot is revived and Arthur and his knights unify the land. Arthur creates the Round Table, builds Camelot and marries Guinevere; Lancelot confesses that he has fallen in love with her too. Arthur’s half-sister Morgana, a budding sorceress and still bitter towards Arthur, becomes apprenticed to Merlin in hopes of learning the Charm of Making from him.

Lancelot stays away from the Round Table to avoid Guinevere. He meets Perceval, a peasant boy and takes him to Camelot to become a squire. Sir Gawain, under Morgana’s influence, accuses Guinevere of driving Lancelot away, “driven from us by a woman’s desire”, forcing Lancelot to duel with Gawain to defend his and Guinevere’s honor. The preceding night, Lancelot is attacked by himself in a nightmare and awakens to find himself wounded by his own sword. Arthur hastily knights Perceval when Lancelot is late to the duel but Lancelot appears just in time and defeats Gawain, while nearly dying from his wounds. Merlin heals him and he rides out to the forest to rest. Guinevere realizes her feelings for Lancelot and they consummate their love in the forest; meanwhile, Merlin lures Morgana to his lair to trap her, suspecting that she is plotting against Arthur.

Arthur finds Guinevere and Lancelot asleep together. Heartbroken at their betrayal, he thrusts Excalibur into the ground between the sleeping couple. Merlin’s magical link to the land impales him on the sword and Morgana seizes the opportunity to trap him in a crystal with the Charm of Making. Morgana takes the form of Guinevere and seduces Arthur. On awakening to the sight of Excalibur, Lancelot flees in shame and Guinevere lies weeping.

Morgana bears a son, Mordred, and a curse caused by Mordred’s unnatural incestuous origin strikes the land with famine and sickness. A broken Arthur sends his knights on a quest for the Holy Grail, in hopes of restoring the land. Many of his knights die or are bewitched by Morgana. Morgana captures Perceval, who narrowly escapes. Perceval encounters an ugly bearded old man with armor under his tattered robes, who preaches to followers that the kingdom has fallen because of “the sin of Pride“. A shocked Perceval recognizes the man as Lancelot. After Perceval fails to convince Lancelot to come to Arthur’s aid, Lancelot and his followers throw Perceval into a river. Perceval has a vision of the Grail, during which he realizes that Arthur and the land are one. Upon answering the riddle he gains the Grail and takes it to Arthur, who drinks from it and is revitalized, as is the land, which springs into blossom.

Arthur finds Guinevere at a convent and they reconcile. She gives him Excalibur, which she has kept safe since the day she fled. Frustrated in preparation for battle against Morgana’s allies, Arthur calls to Merlin, unknowingly awakening the wizard from his enchanted slumber. Merlin and Arthur have a last conversation before Merlin vanishes. The wizard then appears to Morgana as a shadow and tricks her into uttering the Charm of Making, producing a fog from the breath of the dragon, and exhausting her own magical powers that had kept her young. She rapidly ages and Mordred kills her, repulsed by the sight of his once beautiful mother now reduced to a decrepit old crone.

Arthur and Mordred’s forces meet in battle, with Arthur’s army benefiting from the fog that conceals their small size. Lancelot arrives unexpectedly and turns the tide of battle, later collapsing from his old, self-inflicted wound which had never healed. Arthur and Lancelot reconcile and Lancelot dies with honor. Mordred stabs Arthur with a spear but Arthur further impales himself to get closer and kills Mordred with Excalibur. Perceval refuses to carry out Arthur’s dying wish, that he throw Excalibur into a pool of calm water, reasoning that the sword is too valuable to be lost. Arthur tells him to do as he commands and reassures him that one day a new king will come and the sword will return again. Perceval throws Excalibur into the pool, where the Lady of the Lake catches it. Perceval returns to see Arthur lying on a ship, attended by three ladies clad in white, sailing into the sun toward the Isle of Avalon.

Music by Trevor Jones

ITA

Il film narra la storia di Re Artù, figlio di Uther Pendragon e Igraine, sposa del Duca di Cornovaglia Gorlois. Artù viene concepito con l’inganno, giacché la moglie del duca viene sedotta e fecondata – in seguito a una vigorosa copula – da un Uther che ha assunto le sembianze di Gorlois, colpito dalla bellezza della donna. L’inganno è reso possibile grazie alla magia di Merlino e al potere della spada Excalibur, che è stata consegnata al mago da una Dama che vive in fondo ad un lago. Alla morte precoce del padre naturale in un’imboscata, il neonato Artù viene consegnato dal mago Merlinoad un uomo comune, Sir Hector, il quale lo alleva come un proprio figlio. Artù diviene lo scudiero del fratello maggiore acquisito, Kay, ma è totalmente ignaro della sua vera identità.

Le terre sono da tempo senza un Re, il caos regna e il popolo necessita di una nuova e valorosa guida. Colui che sarà in grado di estrarre la spada “Excalibur” dalla roccia in cui è collocata potrà essere Re, ma nessun cavaliere era stato finora in grado di farlo. Quasi per caso il giovane Artù riesce ad estrarre Excalibur dalla sua collocazione, essendo lui stesso figlio di Uther (a cui apparteneva la spada e che l’aveva conficcata nella roccia prima di morire); la comparsa di Merlino sulla scena sarà chiarificatrice per lui.

Tuttavia per molti nobili Artù non può essere un re: egli non è neppure un cavaliere ed è troppo giovane ed inesperto; ma alcuni nobili sono disposti a sostenere il nuovo sovrano, quindi si arriva alla guerra. Artù, educato da Merlino, si dimostra subito estremamente valoroso e capace: accorso in aiuto del vassallo Leodegrance che aveva preso le sue parti, riesce a sconfiggere in battaglia i suoi nemici. Artù diviene amatissimo dal suo popolo, restaura finalmente un governo stabile ed unisce il paese. Si innamora della bella Ginevra, figlia di Leodegrance. Al suo fianco si schiera anche l’impavido Lancillotto, un cavaliere eccelso, mai battuto in duello da nessun avversario, tranne che da Re Artù in persona (ma con l’aiuto di Excalibur), che diventerà il più amato e fidato cavaliere del re. Proprio a lui, infatti, Artù affida il compito di portare nella sua nuova reggia, a Camelot, la sua futura regina; ma sarà a causa di questo incontro che Lancillotto e Ginevra si innamoreranno di un amore proibito.

In ogni caso, il regno sembra ormai saldo e tranquillo, ma invece alcuni nemici bramosi di potere stanno tramando nell’oscurità; la sorellastra di Artù, Morgana (anch’ella figlia di Igraine) sta diventando una maga potente, avversaria di Merlino e quindi anche di Artù. Per sua istigazione, Galvano oltraggia la regina, ma verrà sconfitto in duello da Lancillotto. Nel frattempo, però, ella riesce ad imparare formule magiche più potenti di quelle che usa Merlino, “la magia del fare” (Anaal nathrakh, urth vas bethud, dokhjel djenve) ed imprigiona il mago in una colonna di ghiaccio. Nel frattempo Ginevra e Lancillotto cederanno all’amore, ormai troppo forte, e Artù, una volta scoperto l’inganno, per ira abbandona Excalibur tra i due amanti, coricati nella foresta, infiggendola come fece suo padre nella terra; e così la stabilità del regno è infranta. Morgana con l’inganno riesce a concepire un figlio dal fratellastro, che in quanto figlio del Re è erede al trono di Camelot; inoltre, riesce a corrompere diversi cavalieri della tavola rotonda prima fedeli ad Artù.

Iniziano carestie, la gente è ridotta in povertà e fame; Camelot è in decadenza. Artù è ormai quasi infermo, senza più la guida di Merlino e l’amore di Ginevra, che pentita si chiude in un convento. Anche Lancillotto vaga senza meta, disperato per aver tradito il suo Re. Ormai la speranza sembra aver abbandonato ogni cosa, Morgana e il suo crudele figlio, Mordred, sembrano aver vinto, ma una luce resta ancora accesa: un cavaliere di nome Parsifal (che precedentemente era stato lo scudiero di Lancillotto) riesce a trovare il Santo Graal, grazie al quale ridona energia e vita al morente Artù, e quindi alla sua terra, che con lui è un tutt’uno. Il Re ricostruisce l’esercito, recupera Excalibur dalla moglie Ginevra, la quale aveva conservato la spada nel convento, e si uniscono a lui anche Lancillotto, il padre adottivo e il fratello adottivo Kay; quindi marcia verso le truppe di Mordred per la battaglia finale di Camlann. Inoltre l’affetto di Artù riesce a liberare lo spirito di Merlino, quindi il mago fa visita a Morgana e la inganna a sua volta, annullando la magia con cui la donna aveva bloccato il suo invecchiamento (e sarà proprio Mordred, orripilato dalla vista della madre invecchiata, a ucciderla) ed invocando una fitta nebbia che ostacolerà le altrimenti troppo numerose truppe di Mordred. Alla fine della cruenta battaglia, ferito mortalmente da Mordred, che uccide a sua volta, Artù viene trasportato dalle Fate nell’isola immortale di Avalon, mentre Parsifal, su suo ordine, rigetta Excalibur nel lago ove viene ripresa dalla Dama: risorgerà solo quando “un giorno verrà un altro re”.

Musiche Trevor Jones

Video link : https://ok.ru/video/308263193214

Complete Track List :

01.Siegfried’s Funeral March (Extract) 00:00
02.Igrayne’s Dance 02:48
03.Merlin’s Spell 04:54
04.O Fortuna (The Siege Of Camylarde)
Composed By – Carl Orff 08:06
05.A Dance At The Court Of King Arthur 10:40
06.The Lady Of The Lake 11:58
07.Tristan And Isolde (Prelude) (Lancelot And Guenevere) 13:25
08.The Wedding 23:55
09.Camelot 24:58
10.Knights Of The Round Table 28:25
11.A Challenge To Honour 29:03
12.Quest For The Holy Grail 32:06
13.Mordred’s Lair 35:56
14.Parsifal (Prelude) (Perceval) 37:43
15.The Land And The King 49:33
16.Siegfried’s Funeral March (The Death Of Arthur) 53:39
17.Alternate Theme 1:00:12
18.Alternate End Titles 1:01:39

Complete movie ENG 720p link : https://ok.ru/video/30176447108

The Mission

The Mission (1986) Mission

ENG

The film is set in the 1740s and involves Spanish Jesuit priest Father Gabriel (Jeremy Irons) who enters the northeastern Argentina and western Paraguayan jungle to build a mission station and convert a Guaraní community to Christianity. The Guaraní community is not initially receptive to Christianity or outsiders in general, shown by the opening scene where they tie a priest to a wooden cross and send him over the Iguazu Falls, a large waterfall they live above. Father Gabriel travels to the falls, climbs to the top, and plays his oboe. The Guaraní warriors, captivated by the music, allow him to live.

Mercenary and slaver Rodrigo Mendoza (Robert De Niro) makes his living kidnapping natives such as the Guarani community and selling them to nearby plantations, including the plantation of the Spanish Governor Don Cabeza (Chuck Low). After returning from another kidnapping trip Mendoza is told by his assumed fiancée, Carlotta (Cherie Lunghi), that she loves his younger half-brother Felipe (Aidan Quinn). Mendoza later finds them in bed together and in a fit of rage kills Felipe in a duel. Although he is acquitted of the killing by Cabeza, Mendoza spirals into depression. Father Gabriel visits and challenges Mendoza to undertake a suitable penance. Mendoza accompanies the Jesuits on their return journey, dragging a heavy bundle containing his armour and sword. After initially tense moments upon reaching the outskirts of the natives’ territory, though they recognize him, the natives embrace a tearful Mendoza and cut away his heavy bundle.

Father Gabriel’s mission is depicted as a place of sanctuary and education for the Guaraní. Moved by the Guaraní’s acceptance, Mendoza wishes to help at the mission and Father Gabriel gives him a Bible. In time, Mendoza takes vows and becomes a Jesuit under Father Gabriel and his colleague Father Fielding (Liam Neeson).

The Jesuit missions were safe because they were protected under Spanish law. The Treaty of Madrid (1750) reapportioned South American land the Jesuit missions were located on, transferring the area to the Portuguese who allowed slavery. The Portuguese colonials seek to enslave the natives, and as the independent Jesuit missions might impede this, Papal emissary Cardinal Altamirano (Ray McAnally), a former Jesuit priest himself, is sent from the Vatican to survey the missions and decide which, if any, should be allowed to remain.

Under pressure from both Cabeza and Portuguese Governor Don Hontar (Ronald Pickup), Cardinal Altamirano is forced to choose between two evils. If he rules in favour of the colonists, the indigenous peoples will become enslaved; if he rules in favour of the missions, the entire Jesuit Order may be condemned by the Portuguese and the European Catholic Church could fracture. Altamirano visits the missions and is amazed at their industry and success, both in converting the Indians and, in some cases, economically. At Father Gabriel’s mission of San Carlos he tries to explain the reasons behind closing the mission and instructs the Guaraní that they must leave because it is God’s will. The Guaraní question the validity of his claim, and argue God’s will was to settle and develop the mission. Father Gabriel and Mendoza, under threat of excommunication, state their intention to defend the mission alongside the Guaraní if the plantation owners and colonists attack. They are, however, divided on how to do this, and they debate how to respond to the impending military attack. Father Gabriel believes that violence is a direct crime against God. Mendoza, however, decides to break his vows to militarily defend the Mission. Against Father Gabriel’s wishes, he teaches the natives the European art of war and once more takes up his sword.

When a joint Portuguese and Spanish force attack, the mission is initially defended by Mendoza, Fielding and the Guaraní. They are no match for the military force and Mendoza is shot and fatally wounded after the soldiers destroy a trap, allowing them to enter the village. Fielding sacrifices himself by killing the Portuguese commander before he is killed. Upon seeing the Church at the mission village the soldiers become reluctant to fire. When the soldiers enter the mission village, they encounter the singing of Father Gabriel and the Guaraní women and children who march in the procession. Fr. Gabriel leads carrying a monstrance with the Blessed Sacrament. In spite of this, the Spanish commander orders the attack and Father Gabriel, the rest of the priests and most of the Guaraní, including women and children, are gunned down. After Fr. Gabriel is shot, a child picks up the Blessed Sacrament and leads the procession. Only a handful escape into the jungle.

In a final exchange between Cardinal Altamirano and Don Hontar, Hontar laments that what happened was unfortunate but inevitable because “we must work in the world; the world is thus.” Altamirano replies, “No, thus have we made the world. Thus have I made it.” Days later, a canoe of young children return to the scene of the Mission massacre and salvage a few belongings. They set off up the river, going deeper into the jungle, with the thought that the events will remain in their memories. A final title declares that many priests continue to fight for the rights of indigenous people. The text of John 1:5 is displayed: “The light shineth in the darkness, and the darkness hath not overcome it.”

Music by Ennio Morricone

The Mission soundtrack was written by Ennio Morricone. Beginning with a liturgical piece (On Earth as It Is in Heaven) which becomes the “Spanish” theme, it moves quickly to the “Guaraní” theme, which is written in a heavily native style and uses several indigenous instruments. Later, Morricone defines the “Mission” theme as a duet between the “Spanish” and “Guaraní” themes. Other themes throughout the movie include the “Penance”, “Conquest”, and “Ave Maria Guaraní” themes. In the latter, a large choir of indigenous people sing a haunting rendition of “Ave Maria” in their native language.

ITA

Sud America 1750, nella piccola foresta pluviale sopra le Cascate dell’Iguazú al confine tra ArgentinaBrasile e Paraguay. Padre Gabriel è il primo missionario gesuita che si arrampica sulle cascate e grazie alla musica del suo oboe riesce ad avvicinarsi amichevolmente alla tribù di Indios, ancora allo stato selvaggio. Essi in passato avevano già fatto martire un gesuita che aveva tentato di convertirli alla fede di Dio, e legato ad una croce venne gettato vivo nel fiume Iguazú per morire precipitando nelle cascate. Nel frattempo in Argentina, in una piccola cittadina nella provincia di Misiones, un cacciatore di schiavi spagnolo, Rodrigo Mendoza, uccide per gelosia in un duello pubblico suo fratello Felipe, dopo aver scoperto che questi aveva una relazione con Carlotta, donna amata da entrambi. Travolto dal rimorso, Mendoza decide di lasciarsi morire in cella, ma padre Gabriel, venuto a sapere dell’accaduto, lo convince a trasformare il suo rifiuto della vita in una penitenza con la quale possa espiare le proprie colpe facendolo salire sulle cascate segno del purgatorio poiché tutti quelli del purgatorio possono arrivare al paradiso. La penitenza si traduce in un faticoso trasporto di attrezzature sopra cascate e dirupi molto scoscesi, ultimatolo Rodrigo decide di mettersi al servizio dei missionari e degli indios scegliendo di prendere i voti per diventare anche lui un missionario gesuita. I missionari con il tempo hanno realizzato varie missioni tra gli indios costruendo un vero e proprio villaggio situato nel Rio Grande del Sud e offrendo protezione agli Indios ed evitando loro di essere ridotti in schiavitù a lavorare nelle piantagioni, ma proprio questa finalità allarma i rappresentanti dei coloni spagnoli e portoghesi che iniziano a vedere queste missioni come scomode e potenziali minacce per i loro affari economici. Dopo il Trattato di Madrid i coloni accolgono un inviato pontificio ovvero il cardinale Luis Altamirano che, nonostante riconosca la grande bontà delle missioni gesuite, ordina ai religiosi di abbandonarle per accogliere le richieste dei sovrani europei.

Messi a conoscenza di questa decisione, gli indios rifiutano di lasciare le terre di São Miguel das Missões e decidono di combattere per difenderle, guidati in primis dal redento padre Rodrigo, divenuto amico di un bambino del villaggio; quest’ultimo riuscirà a trovare in riva alle cascate la spada che apparteneva a Rodrigo, da lui stesso gettata in acqua insieme a tutte le sue armi come segno del suo cambiamento di vita. Tutti i gesuiti rimangono con gli indios che li hanno accolti e con i quali nel tempo si è stretto un forte legame di fratellanza: padre Gabriel rifiuta la violenza e celebra una messa nel villaggio con donne e bambini durante i combattimenti, mentre gli altri missionari come Fielding e Ralph scelgono di combattere accanto ai Guaranì con Rodrigo. Nello scontro sul fiume, Fielding sacrifica la propria vita per uccidere il capo dell’esercito nemico sulle cascate attirandovi il suo kayak e padre Ralph viene ucciso poco dopo da un colpo di mortaio. I guaranì, purtroppo, vengono tragicamente sconfitti: nella struggente scena finale della battaglia Mendoza si adopera per far saltare il solo ponte di collegamento del villaggio, ma si distrae per aiutare un bambino e nel frattempo i nemici disinnescano la trappola. Davanti alla sua impotenza i portoghesi ridono di lui (in occasioni precedenti, un identico comportamento aveva suscitato la sua reazione violenta), e immediatamente gli sparano. Ormai a terra, il suo ultimo sguardo è rivolto verso padre Gabriel in processione con in mano l’ostensorio, ed esala l’ultimo respiro quando anche il suo redentore, che avanzava apparentemente intoccabile in mezzo a spari ed esplosioni, viene colpito a morte. Il film si conclude con la distruzione del villaggio e la sconfitta dei coloni Guaranì rimasti, fatti diventare schiavi. Solo un gruppo di bambini della tribù riesce a salvarsi dal massacro e abbandona il villaggio ormai distrutto, deserto e ridotto in cenere. I giovani ritrovano un violino e qualche oggetto usato nella guerra e con questi fuggono con una canoa nella foresta.

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=oag1Dfa1e_E

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=lAoT2ktM2H0

Mission The Making of Roland Joffé’s

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=oVvkdV3ytbc

Video link : https://ok.ru/video/292327459454

Mission2

https://ok.ru/video/292327459454

Track list :

  1. On Earth As It Is In Heaven – 3:50
  2. Falls – 1:55
  3. Gabriel’s Oboe – 2:14
  4. Ave Maria Guarani – 2:51
  5. Brothers – 1:32
  6. Carlotta – 1:21
  7. Vita Nostra – 1:54
  8. Climb – 1:37
  9. Remorse – 2:46
  10. Penance – 4:03
  11. The Mission – 2:49
  12. River – 1:59
  13. Gabriel’s Oboe – 2:40
  14. Te Deum Guarani – 0:48
  15. Refusal – 3:30
  16. Asuncion – 1:27
  17. Alone – 4:25
  18. Guarani – 3:56
  19. The Sword – 2:00
  20. Miserere – 1:00

>> Complete soundtrack link : https://ok.ru/video/292327459454

Complete Movie ITA 720p link : https://ok.ru/video/92862810704

The Blue Max

The Blue Max (1966) La caduta delle aquile

ENG

The Blue Max is a 1966 British war film in DeLuxe Color and filmed in CinemaScope, about a German fighter pilot on the Western Front during World War I. It was directed by John Guillermin, stars George Peppard, James Mason and Ursula Andress, and features Karl Michael Vogler and Jeremy Kemp. The screenplay was written by David Pursall, Jack Seddon, and Gerald Hanley, based on the novel of the same name by Jack D. Hunter as adapted by Ben Barzman and Basilio Franchina.

In contrast to films that romanticize the Flying Aces of the Great War, the protagonist of The Blue Max is depicted as a man with no conscience, no empathy, and no feelings for anyone but himself. The film also explores the decline of chivalry and the advent of total war.

Music by Jerry Goldsmith

ITA

Prima guerra mondiale, fronte occidentale, Bruno Stachel è un giovane sergente dell’esercito tedesco che, non senza difficoltà, riesce ad entrare nella Luftstreitkräfte, l’aviazione militare tedesca, divenendo ufficiale. Il suo ambientamento nella squadriglia comandata dal colonnello Otto Heidemann è tuttavia difficoltoso ed il suo desiderio di salire la scala sociale è presto compreso dai camerati, tutti di nobile estrazione, che progressivamente iniziano ad irriderlo ed a voltargli le spalle.

La situazione degenera quando, dopo avere catturato un aereo britannico, a causa di un gesto improvviso del mitragliere che Bruno scambia per un tentativo di reazione, lo abbatte mentre sta atterrando nel campo tedesco. Questo provoca il disappunto di tutti gli astanti ed un’inchiesta da parte del comandante ma, grazie alla testimonianza di Willi von Klugermann, un nobile asso, nipote del generale von Klugermann, che aveva appena ricevuto la croce azzurra dopo avere conseguito la sua ventesima vittoria, viene scagionato.

La sua popolarità tuttavia cresce e la macchina della propaganda, esaltando le sue umili origini, ne fa un eroe popolare ma il suo desiderio di conseguire la decorazione provoca molte perdite tra i giovani piloti che hanno rimpiazzato i veterani caduti durante il conflitto, i quali ingenuamente lo seguono in ogni sua azione avventata, provocando il disappunto del comandante Heidemann, che inutilmente ne chiede il trasferimento, ed il suo arrivismo arriva al punto di umiliare la moglie del generale Klugermann, con la quale ha iniziato una relazione.

La reazione della donna è immediata e minaccia Bruno di rivelare quanto le ha confidato, ossia che le sue ultime due vittorie, quelle che gli hanno consentito di ricevere l’agognata decorazione Pour le Mérite, sono in realtà state conseguite da Willi ma il generale, impossibilitato a ritirare la decorazione appena assegnata, al fine di evitare il discredito e lo scandalo, non lo avverte del pericolo rappresentato dalla scarsa stabilità del nuovo monoplano, testato da Otto nel primo volo, che il giovane asso è chiamato a pilotare di fronte ad una folla venuta per festeggiarlo, chiudendo la vicenda con la sua morte.

11725008_2

video link : https://www.youtube.com/watch?v=vwmYTXHLYso

Complete Track List

  1. The Blue Max (Main Title) 0.00
  2. The New Arrival 2:18
  3. A Toast to Bruno 3:45
  4. First Blood 5:28
  5. First Victory 7:50
  6. The Captive 8:36
  7. The Victim 10:25*
  8. The Attack 14:44
  9. A Small Favor 19:33
  10. Love Theme 20:34
  11. The Rivals 21:55
  12. Finale to Part 1 22:25
  13. Prelude to Part 2 23:37
  14. Love Theme 25:22
  15. The Bridge 26:21
  16. Love Theme 29:40
  17. Retreat 31:18
  18. Stachel to Berlin 38:52
  19. Nothing Needed 41.20
  20. Kaetie Has a Plan 42:05
  21. Stachel’s Last Flight 45:33
  22. End Title 47:35

Source Music:
23. Pour Le Merite 50:16
24. Presentiar March 52:35
25. Student Song Medley 54:06
26. Artist’s Life 55:58
27. Gloria March 57:03
28. Deutschland Uber Alles 57:28
29. Watch on the Rhine 58:20

Complete soundtracks link : https://ok.ru/video/272871393918

Complete Movie in ENG 480p link : https://ok.ru/video/37558094420

Film completo in ITA 720p link : https://ok.ru/video/244529564322

Perfume: The Story of a Murderer

Perfume: The Story of a Murderer (2006) Profumo – Storia di un assassino

ENG

Perfume: The Story of a Murderer is a 2006 German fantasy thriller film directed by Tom Tykwer and starring Ben Whishaw, Alan Rickman, Rachel Hurd-Wood, and Dustin Hoffman. Tykwer, with Johnny Klimek and Reinhold Heil, also composed the music. The screenplay by Tykwer, Andrew Birkin, and Bernd Eichinger is based on Patrick Süskind‘s 1985 novel Perfume. Set in 18th century France, the film tells the story of Jean-Baptiste Grenouille (Whishaw), an olfactory genius, and his homicidal quest for the perfect scent.

Producer Eichinger bought the film rights to Süskind’s novel in 2000 and began writing the screenplay together with Birkin. Tykwer was selected as the director and joined the two in developing the screenplay in 2003. Principal photography began on July 12, 2005 and concluded on October 16, 2005; filming took place in Spain, Germany, and France. The film was made on a budget of 50 million (est. $60 million), making it one of the most expensive German films.

Perfume was released on September 14, 2006 in Germany, December 26, 2006 in the United Kingdom, and December 27, 2006 in the United States. It grossed over $135 million worldwide, of which over $53 million was made in Germany. Critics’ reviews of the film were mixed; the consensus was that the film had strong cinematography and acting but suffered from an uneven screenplay.

Music by

ITA

Francia, XVIII secolo – 17 luglio 1738. Jean-Baptiste Grenouille nasce da una ragazza madre tra i rifiuti di una Parigi povera e sporca. La madre, una pescivendola, sentitasi male al mercato si sdraia dietro il banco ed espelle il feto (che la voce del narratore ci informa essere il quinto di una serie di feti nati morti) tagliandone il cordone con abitualità e noncuranza. Ma il neonato, abbandonato tra sporcizia, topi e resti di pesce, inizia a respirare, e le sue urla subitanee richiamano l’attenzione di alcuni presenti. La madre, accusata quindi di tentato infanticidio, viene impiccata.

Finisce in un orfanotrofio gestito da Madame Gaillard, una megera che si occupa di molti bambini orfani della città. La prima sera il suo vicino di letto, per vedere se respira prova a toccarlo ed il neonato subito afferra il suo dito annusandolo avidamente. Gli altri bambini, impressionati ed inquietati dalla sua presenza, tentano di soffocarlo, senza però riuscirci, fermati in extremis da Madame Gaillard (che vede nella morte di ogni singolo bambino a lei affidato, una pura perdita economica).

Il piccolo Grenouille parlerà tardi, dopo i 5 anni, ma presto scoprirà di avere un olfatto assolutamente fuori dal comune e che comunque i vocaboli della lingua comune non sono sufficienti a descrivere tutte le sue percezioni olfattive. Gli odori divengono il fulcro della sua esistenza: riesce a distinguere l’odore di ogni specie di fiore, dell’erba umida, della pietra calda, del legno bagnato, dell’acqua e della rana che vi nuota.

Quando compie 13 anni, Madame Gaillard vende Grenouille a Grimal, un conciatore parigino che ha bisogno di braccianti a poco prezzo. Sfortunatamente l’incasso della vendita procura a Madame Gaillard la morte per mano di due ladri che le tagliano la gola per rapinarla.

All’interno della conceria, Grenouille, che viene trattato come un animale da lavoro, si adatta ad un modello di schiavismo ed arrendevolezza, lavorando giorno e notte senza fiatare. A differenza degli altri giovani garzoni conciatori, che in media morivano dopo qualche anno per malattie, Grenouille riuscirà a sopravvivere per molto tempo, diventando quasi prezioso per il suo padrone.

Un giorno Grenouille, ormai adulto, viene mandato in città per una consegna. A Parigi impara ad esplorare col suo olfatto ogni angolo della città e comincia a fare una distinzione tra cattivi odori e profumi veri e propri. Il suo naso lo porta davanti alle vetrine delle rinomate profumerie di Parigi, dove grazie alla sua innata sensibilità individua ogni essenza che crea un profumo.

Una sera, nei vicoli di Parigi, incontra l’odore della sua vita: proviene da una fanciulla venditrice di prugne dai capelli rossi. La segue, l’odora e finge di voler comprare delle prugne per annusare più da vicino. Lei, visibilmente spaventata, fugge ma Grenouille continua a pedinarla, finché non la vede fermarsi sotto un portico. Arriva alle sue spalle senza farsene accorgere, ma la ragazza lo scopre e comincia a gridare. Grenouille incidentalmente la soffoca tentando di farla star zitta per non essere scoperto. Da questo momento ha un solo scopo nella vita: imparare come catturare gli odori.

Sempre per una consegna, capita nel negozio di Giuseppe Baldini, un profumiere italiano ormai in declino. Qui, nel suo laboratorio, conquista l’attenzione dello scettico profumiere individuando ogni ingrediente e ricreando in poco tempo il famoso e vendutissimo profumo Amore e psiche del profumiere concorrente Pélissier, anzi lo modifica e lo migliora. Baldini, pienamente soddisfatto, lo assume. Quella sera il conciatore Grimal, ubriaco, scambia la via di casa per quella per il molo e, cadendo dal pontile batte la testa e muore.

Dentro il laboratorio di Baldini, Jean-Baptiste crea innumerevoli nuove essenze, risvegliando l’attività del negozio e portandolo ad avere una fama superiore a quella del passato. Ben presto Grenouille viene iniziato all’arte della profumeria e della distillazione. La voce si sparge a Parigi e gli affari del negozio rifioriscono grazie alle creazioni dell’allievo.

Ma a Jean-Baptiste, con un fiuto più sviluppato di quello di Baldini, interessa soprattutto sapere come estrarre e distillare gli odori di tutte le cose. Baldini, sufficientemente attrezzato per produrre piccole quantità di olio essenziale dai fiori e dalle erbe profumate, istruisce Grenouille sui procedimenti: far bollire l’acqua con i fiori in un alambicco, continuare ad aggiungerne fino a che il vapore, sufficientemente in pressione, si condensava nella testa di moro, fino a che poche gocce di olio essenziale si raccoglievano in un piccolo contenitore. Ormai convinto di poter catturare tutti gli odori esistenti, cerca di distillare l’odore del ferro, del rame, del vetro e persino del gatto di Baldini; ma quando il profumiere gli rivela che la distillazione non è altro che un processo di separazione e che le cose apparentemente senza odore non possono produrre nessuna essenza, Grenouille sviene e si ammala gravemente. Si ritrova in punto di morte con una malattia incurabile. Baldini cerca di curarlo ma invano. Quasi ad esprimere l’ultimo desiderio, Jean-Baptiste chiede a Baldini se esistono altri metodi alternativi alla distillazione per catturare l’odore delle cose. Gli viene risposto che il metodo segreto, più raffinato, viene chiamato enfleurage e si può imparare solo a Grasse, una piccola città della Provenza, rinomato centro per la produzione di profumi. Inaspettatamente nel giro di una settimana il protagonista guarisce dalla sua malattia mortale come se dipendesse dalla sua volontà. In cambio di 100 nuove formule di profumi, Baldini lascia andare Grenouille a Grasse con una lettera attestante che il ragazzo è un garzone qualificato nella materia dei profumi; in seguito alla partenza del giovane, Baldini muore, mentre sta dormendo con sua moglie, a causa del crollo del suo palazzo. A Grasse, nel paese della lavanda, impara nuove tecniche e si sente pronto finalmente per creare il profumo perfetto, quello che lo renderà famoso in tutto il mondo. Ossessionato dal profumo di quella giovane venditrice di prugne, incontrata tempo prima, comincia a distillare il profumo di donna: ma gliene servono almeno 13. Un buon profumo è costituito da 12 essenze – diceva Baldini -: 4 per l’accordo di testa, 4 per l’accordo di cuore, 4 per l’accordo di base e l’ultima, la più potente, che farà di quel profumo l’unico e impareggiabile.

Jean-Baptiste uccide infine 12 belle ragazze e ne estrae l’essenza. I paesani per gli omicidi delle ragazze cominciano ad andare nel panico cominciando a diffidare gli uni dagli altri e dandosi a linciaggi di vari, presunti colpevoli, fino ad arrivare a spararsi l’un con l’altro quando due estranei si incontrano. Ma Jean-Baptiste riesce ad allontanare i sospetti da lui usando i capelli delle vittime e i loro vestiti che lascia di nascosto nelle case di alcuni abitanti facendo ricadere la colpa addosso a loro. Il potente, nobile, Richis, intuisce che non sono le persone catturate gli assassini, nonostante le loro confessioni sotto tortura.

A Jean-Baptiste rimane ormai l’ultima ragazza per ultimare il suo progetto. La più bella, e la identifica nella bellissima Laura, figlia di Richis. Gli abitanti di Grasse sono nel panico per gli efferati delitti; non si riesce a trovare la chiave di lettura dei crimini. Le modalità sono sempre quelle: giovani donne belle vengono trovate nude, coi capelli rasati ma senza tracce di violenza sessuale. Richis ha paura per la figlia, la porta via da Grasse percependo che il disegno di Jean-Baptiste non potrà ultimarsi senza di lei. Ma alla fine fallisce. E Jean-Baptiste, che nel frattempo è stato identificato come l’assassino ed è ricercato, riesce a estrarre l’ultima essenza. Il profumo perfetto è pronto ma egli viene catturato. Spargendosi addosso il profumo tutti i presenti ne rimangono incantati e credono di trovarsi di fronte ad un angelo. Scoppia un’orgia generale grazie alla quale Jean-Baptiste riesce a sfuggire al patibolo e si dirige verso Parigi. Nel frattempo le persone della folla, nude e smarrite, decidono che dell’accaduto non deve essere fatta parola e incriminano per gli omicidi proprio il profumiere datore di lavoro di Jean-Baptiste, chiudendo quindi la questione.

La voce del narratore racconta: “Aveva ancora profumo a sufficienza da asservire il mondo intero se avesse voluto; sarebbe potuto andare a Versailles a farsi baciare i piedi dal Re, scrivere al Papa una lettera profumata e rivelarsi come il nuovo Messia. Avrebbe potuto fare questo e molto di più, se avesse voluto. Possedeva un potere più forte del potere del denaro o del terrore o della morte, l’invincibile potere di suscitare l’Amore nell’Umanità”.

Il 25 giugno 1767, entra in città da Rue Saint-Jacques. Avendo capito che il profumo, nonostante potesse farlo apparire come una divinità per il mondo intero, non poteva trasformarlo in un essere capace di amare e di essere amato veramente, si versa sul capo tutto il profumo con un gesto lento, davanti a una folla di poveracci infreddoliti, e si lascia uccidere e divorare dalla smania e dall’adorazione di questi in quello che si rivelerà, il giorno seguente, essere un mercato del pesce, lo stesso posto dov’era nato.

A terra la boccetta di profumo dove rimane un’ultima goccia di essenza.

Musiche Reinhold Heil, Johnny Klimek, Tom Tykwer

Immagine correlata

Risultati immagini per perfume the story of a murderer

Risultati immagini per perfume the story of a murderer

Immagine correlata

Risultati immagini per perfume the story of a murderer

Risultati immagini per perfume the story of a murderer

Risultati immagini per perfume the story of a murderer

Complete Soundtrack link : https://www.youtube.com/watch?v=ZU_Bd0j-8lE&list=PLE2D4D61E0C8B7BC2

Film completo ITA 720p link : https://ok.ru/video/92925332048

Non si sevizia un paperino

Non si sevizia un paperino (1972) Don’t Torture a Duckling

ENG

Don’t Torture a Duckling (Italian: Non si sevizia un paperino) is a 1972 Italian giallo film directed by Lucio Fulci. It is significant within Fulci’s filmography as it is one of the first in which he began using violent gore effects, something he would continue to do in his later films, most notably Zombi 2, The Beyond and City of the Living Dead. The soundtrack was composed by Riz Ortolani and features vocals by Ornella Vanoni.

Music Riz Ortolani

ITA

Ad Accettura, un paese della Basilicata, una donna scava una piccola fossa ai margini di un’autostrada. Estrae il piccolo corpo di un neonato e fugge. In paese, Tonino, Michele e Bruno, tre dodicenni del luogo, escono da una chiesa e si recano a spiare due prostitute e i loro clienti in un casolare abbandonato. Insieme a loro c’è anche Giuseppe Barra, un minorato mentale che spia le coppiette appartate. I bambini si prendono gioco di lui, che minaccia di ucciderli. La misteriosa donna dell’incipit intanto compie una serie di riti di magia nera, trafiggendo con alcuni spilloni delle bambole che riproducono i corpi dei bambini.

Michele, la stessa sera, porta un vassoio con delle bibite a Patrizia, proprietaria di una lussuosa villa: la donna è completamente nuda e provoca il bambino, il quale viene però richiamato dalla madre. Poco dopo Bruno Lo Cascio, un altro bambino del paese, viene inseguito e brutalmente ucciso. I carabinieri iniziano le ricerche, dopo aver ricevuto una telefonata anonima da un uomo che chiede sei milioni di lire come riscatto. Sul luogo arriva anche Andrea Martelli, un giornalista di cronaca nera. I carabinieri arrestano per l’omicidio Giuseppe Barra, trovato mentre sta per ritirare il riscatto. Barra conduce i carabinieri sul luogo in cui ha sepolto il corpo di Bruno.

Sul posto c’è anche don Alberto Avallone, il giovane parroco del paese, che benedice la salma. Barra si proclama innocente, asserendo che Bruno era già morto quando lui lo ha trovato, e che ha richiesto solo il riscatto. La gente del paese però non crede alle sue parole e si avventa su di lui, tentando il linciaggio mentre l’uomo viene portato in carcere. La mattina seguente viene trovato un altro cadavere: si tratta del corpo di Tonino, amico di Bruno, annegato in una vasca di pietra. Intanto la strana donna, da tutti chiamata “la maciara”, seppellisce le sue bambole. Andrea Martelli si reca da don Alberto, che si dice preoccupato per il futuro dei bambini del paese, in balia di rivistepornografiche e di troppe tentazioni.

Mentre i due uomini stanno parlando giunge Patrizia, che provoca sia il parroco che Andrea. Questi scopre che la ragazza è la figlia di un ricco costruttore milanese, che l’ha mandata nel piccolo paese per sottrarla alle tentazioni della grande metropoli. La notte seguente, Michele riceve una telefonata che lo invita a un appuntamento. Nello stesso momento, davanti a una stazione di servizio, Patrizia termina una telefonata. Michele riesce ad uscire di nascosto e si reca all’incontro, dove viene ucciso. I carabinieri interrogano Patrizia, che mente dicendo che ha viaggiato tutta la notte in macchina, senza mai fermarsi.

Ai funerali di Michele è presente tutto il paese. La madre del bambino ucciso avverte la presenza dell’assassino e urla, proprio quando entra in chiesa la maciara, che si allontana furtivamente. La sua uscita è però stata immortalata da una telecamera posizionata all’uscita della chiesa dai carabinieri, che si recano da zio Francesco, un anziano fattucchiere rispettato dalla gente del paese, che convive da anni con la maciara. Zio Francesco però non sa dire niente sulla donna, solo che si è allontanata e probabilmente si trova come sempre nel bosco. Mentre i carabinieri si allontanano arriva Patrizia.

Una telefonata anonima, fatta da Aurelia Avallone, la madre di don Alberto, conduce i carabinieri sul luogo in cui si nasconde la maciara, che viene arrestata dopo il ritrovamento del cadavere da lei disseppellito. Durante l’interrogatorio, la maciara confessa di aver ucciso i tre bambini, che avevano scoperto la tomba del suo bambino, frutto di una relazione con zio Francesco e morto misteriosamente anni prima. La maciara inizia ad avere una crisi epilettica e afferma di aver ucciso i bambini con l’ausilio della magia nera. La sera stessa il magistrato, dopo aver ascoltato la testimonianza di un appuntato che scagiona la maciara, ne ordina la scarcerazione, nonostante i dubbi del maresciallo, preoccupato che la messa in libertà della maciara provochi un linciaggio.

La maciara si reca al cimitero del paese, ma viene accerchiata dai padri dei bambini uccisi, che iniziano a pestarla violentemente con catene e bastoni. La maciara riesce a trascinarsi sino ai margini dell’autostrada, dove muore tra le auto che sfrecciano indifferenti. In paese, Andrea Martelli e Patrizia incontrano Malvina, la sorellina di don Alberto, una sordomuta, mentre trascina una bambola decapitata. Mario, un bambino del paese, si avventura nel bosco. Il suo amico riferisce tutto a don Alberto, che inizia a cercare Mario. Questi incontra Patrizia, bloccata in strada con l’auto a causa di una gomma bucata. Poco dopo, Mario viene ritrovato con il cranio fracassato. Andrea Martelli trova l’accendino di Patrizia sul luogo del delitto e si reca da lei.

La ragazza confessa al giornalista di essersi fermata a una stazione di servizio la notte dell’omicidio di Michele, per telefonare a uno spacciatore di droga. Patrizia nota la foto del delitto su un quotidiano, e si accorge della testa di un paperino di gomma che Andrea Martelli ha posizionato accanto al cadavere alla ricerca di una foto ad effetto. I due vanno alla ricerca della parte mancante del pupazzo, appartenuto a Malvina, e la trovano in una discarica che si trova di fronte all’abitazione di don Alberto; la bambina stacca compulsivamente la testa a tutte le sue bambole, senza un apparente motivo, e i due pensano che possa avere in qualche modo assistito ai delitti, e che quindi li mimi sulle sue bambole. I due entrano nella casa e vi trovano Aurelia, la madre del parroco, che si rivela gelosa e reticente.

Tornati a casa di Patrizia, i due ricevono una telefonata da don Alberto, che li informa che sua madre è scomparsa insieme a Malvina. I due riescono a trovare il luogo in cui la donna si è nascosta, una rupe deserta, e vi trovano anche don Alberto, che tiene in braccio Malvina. L’uomo non la vuole salvare, ma gettarla nel vuoto. Don Alberto, tramite alcuni flashback, confessa di essere lui l’assassino dei bambini, uccisi per farli rimanere puri e salvarli dalle tentazioni. Aurelia, in stato semi-catatonico, li prega di fermare il figlio pazzo; Andrea Martelli insegue l’uomo e i due hanno una colluttazione, durante la quale riesce a strappare la bambina al folle, ma scivola sull’orlo del dirupo. Il parroco tenta di far cadere Andrea, ma quando alza il piede per spingerlo giù, Andrea gli fa perdere l’equilibrio e don Alberto precipita nel vuoto, fracassandosi il cranio contro le rocce.

Musiche Riz Ortolani

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=3aiA3gTr8Rk

Risultati immagini per Non si sevizia un Paperino

Immagine correlata

Risultati immagini per Non si sevizia un Paperino

Risultati immagini per Non si sevizia un Paperino

Risultati immagini per Non si sevizia un Paperino

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=xdUB9MhojEo

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=O7tAh4w-Rg4

Film completo in ITA 480p link : https://www.youtube.com/watch?v=PUnh87nuoCU

Brazil

Brazil (1985) Brazil

ENG

Brazil is a 1985 dystopian science fiction film directed by Terry Gilliam and written by Gilliam, Charles McKeown, and Tom Stoppard. The film stars Jonathan Pryce and features Robert De Niro, Kim Greist, Michael Palin, Katherine Helmond, Bob Hoskins and Ian Holm.

The film centres on Sam Lowry, a man trying to find a woman who appears in his dreams while he is working in a mind-numbing job and living in a small apartment, set in a consumer-driven dystopian world in which there is an over-reliance on poorly maintained (and rather whimsical) machines. Brazils bureaucratic, totalitarian government is reminiscent of the government depicted in George Orwell‘s Nineteen Eighty-Four, except that it has a buffoonish, slapstick quality and lacks a Big Brother figure.

Jack Mathews, a film critic and the author of The Battle of Brazil (1987), described the film as “satirizing the bureaucratic, largely dysfunctional industrial world that had been driving Gilliam crazy all his life”. Though a success in Europe, the film was unsuccessful in its initial North America release. It has since become a cult film.

The film is named after the recurrent theme song, Ary Barroso‘s “Aquarela do Brasil“, as performed by Geoff Muldaur.

Music by Michael Kamen, Kate Bush, Ray Cooper

ITA

«Da qualche parte nel Ventesimo Secolo» il mondo è governato da meschinità e burocrazia. Il protagonista è Sam Lowry, un umile impiegato del Ministero dell’Informazione che ha frequenti sogni ad occhi aperti dove vede se stesso salvare una misteriosa fanciulla, indossando un’armatura alata.

Un giorno a Sam viene dato l’incarico di correggere un errore di stampa di un file causato da un insetto incastrato in una stampante. Purtroppo l’errore ha già causato l’arresto, il processo e l’esecuzione di un certo Archibald Buttle al posto di un ricercato terrorista chiamato Archibald “Harry” Tuttle. Quando Sam va a visitare la vedova del signor Buttle viene a conoscenza di una ragazza chiamata Jill Layton, identica alla fanciulla che sogna. Jill è etichettata come alleata del terrorista per aver cercato di aiutare la signora Buttle e dare la colpa agli stessi burocrati dell’ingiustizia.

Intanto Sam viene a contatto con il vero terrorista, Tuttle, che vive sotto le spoglie di un tecnico dell’aria condizionata e cerca di aiutarlo contro due tecnici del Central Service che, una volta chiamati da Sam per riparare un semplice guasto, gli devastano l’abitazione con la scusa di dover attuare la “procedura di emergenza”. Tuttle un tempo lavorava per un altro governo, ma ha organizzato una ribellione contro i burocrati. Pur di rintracciare la ragazza che ama, Sam accetta una delle varie promozioni che aveva rifiutato in passato, che in realtà erano tutte organizzate da sua madre, Ida (che tenta di ringiovanire attraverso estremi interventi facciali cosmetici eseguiti dal dottor Jaffe), la quale frequenta ufficiali di alto rango. Sam viene così promosso come dirigente al “Reparto recupero informazioni” e dopo varie vicissitudini, riesce finalmente ad incontrare Jill e dimostrarle il suo amore. Sam si intrufola poi nell’ufficio del vice ministro Eugine Helpmann e nel database principale scrive sul dossier di Jill che lei è morta, rendendola così libera dal governo. I due hanno così un romantico appuntamento al buio.

Il mattino dopo gli agenti delle forze dell’ordine irrompono e arrestano Sam legandolo su una sedia e rinchiudendolo in un’enorme sala cilindrica, dove sarebbe stato presto torturato da un suo vecchio amico, Jack Lint. Prima che ciò avvenga però, Tuttle irrompe dal soffitto con altri ribelli che sparano a Jack, salvano Sam e fuggono uccidendo diversi soldati e facendo esplodere il Ministero dei burocrati.

Tuttle scompare dopo essere stato sommerso dai fogli di carta del palazzo mentre Sam, dopo essersi salvato, si reca dalla madre, che è al funerale di una sua amica, Alma Terrain, morta a causa di esasperati interventi estetici eseguiti dal nano Dr. Chapman. Sam scopre però che la madre ha l’aspetto di Jill, circondata da ammiratori e poco dopo irrompono di nuovo gli agenti ma Sam cade nella bara della deceduta precipitando in uno psichedelico mondo misto con i suoi sogni e continua a scappare salendo in cima a una pila di tubi non utilizzati, dove scopre una porta e, attraversandola, si ritrova a fuggire in un rimorchio guidato dall’amata Jill. I due finalmente fuggono dalla metropoli e dal governo totalitario che li controllava.

Nel finale, lo spettatore del film comprende che questo lieto fine si è svolto tutto in un sogno di Sam, ancora legato e rinchiuso nella sala, insieme a Jack e Helpmann. Sam appare in stato catatonico e sorride canticchiando Aquarela do Brasil. Helpmann e Jack, giudicando professionalmente il caso di Sam, lo considerano perso ed escono dalla sala lasciando Sam nel suo mondo dei sogni.

Musiche Michael Kamen, Kate Bush, Ray Cooper

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=qeyXADf1fyk

Risultati immagini per Brazil 1985

Risultati immagini per Brazil 1985

Brazil (Trailer + Soundtrack complete)
Video link : https://www.youtube.com/watch?v=l9jof1RQ4cY

Complete movie ENG video link : https://www.youtube.com/watch?v=dLiZLmEI36o

Film completo in ITA video link : https://www.youtube.com/watch?v=9hHbjszNSS8

Le Clan des Siciliens

Le Clan des Siciliens (1969) Il Clan dei Siciliani

ENG

The Sicilian Clan (original French title: Le clan des siciliens) is a 1969 French crime film directed by Henri Verneuiland starring Jean Gabin, Lino Ventura and Alain Delon. The film was largely marketed by the casting together of three of the leading French movie actors of the day.

The film score was written by Italian composer Ennio Morricone.

Music by Ennio Morricone

ITA

Un clan siciliano guidato da Vittorio Malanese e stabilito a Parigi, fa evadere il gangster Roger Sartet sottraendolo alla ghigliottina dietro consegna da parte dell’evaso del bottino di un precedente colpo. Il clan è composto anche dai suoi due figli Sergio e Aldo e il suo genero Luigi. In carcere Sartet conosce un ingegnere elettronico che ha progettato il sistema di sicurezza di una mostra di gioielli a Roma. Esso gli fornisce i progetti e dopo che è tornato in libertà, propone alla banda di fare una rapina a una mostra itinerante di gioielli.

Vittorio si ricongiunge con Tony Nicosia dopo quasi quarant’anni e insieme a lui testa la sicurezza attraverso un orologio d’oro, nel frattempo il commissario Le Goff è sulle tracce di Sartet. Jeanne, moglie di Vittorio e con un figlio chiamato Roberto, si innamora di Roger. In una villa vicino il confine italiano, Jeanne e Roger si baciano in spiaggia ma vengono sorpresi dal figlio di Vittorio, che gli promette di non dire a nessuno quello che ha visto. La rapina riesce e i gioielli vengono trasferiti in un aereo a New York, che però viene dirottato e portato in un’autostrada in costruzione situata dopo l’aeroporto della città. Si dividono i diamanti e tutti i componenti della banda si separano.

Nel pomeriggio il clan si rilassa guardando un film in TV e mentre una coppia in spiaggia si bacia, Roberto dice che somigliano a Sartet e Jaunne. Si scatena così la furia dei Malanese, che vogliono che Sartet torni a Parigi in modo da poterlo uccidere. Jeanne così chiama la sorella di Sartet, Monique, per porterlo avvertire, ma essa riaggancia poiché il telefono è sorvegliato. Monique si dirige nell’aeroporto e viene circondata dai figli di Vittorio, ma la polizia li arresta grazie all’intercettazione del telefono. Roger era arrivato prima e contatta Vittorio per avere la sua parte. Si incontrano in posto fuori città dove Vittorio uccide Roger e Jeanne. Quando torna nella sua attività, viene sorpreso dal commissario che lo arresta. Il nipote assiste alla scena impietrito.

Musiche Ennio Morricone

Risultati immagini per delon gabin ventura

Risultati immagini per delon gabin ventura

Immagine correlata

Colonna sonora completa

video link : https://www.youtube.com/watch?v=2My4dcAk8d4

TRACKLIST:
01_(00:00) il clan dei siciliani
02_(03:36) snack bar
03_(05:58) mostra dei gioielli
04_(08:47) dialogo No.1
05_(12:03) jeannie e la spiaggia
06_(15:18) dialogo No.2
07_(18:38) tema per le goff
08_(21:47) per Nazzari e Delon
09_(24:08) tema italiano No.2
10_(25:38) francobolli
11_(28:00) il clan dei siciliani (finale)

Museo di Jean Gabin link : http://www.musee-gabin.com/

Link film completo 720p ITA link : https://ok.ru/video/287754291792

Link film completo 480p FRA link : https://ok.ru/video/84349880902

Romy Schneider

ENG

Romy Schneider (23 September 1938 – 29 May 1982) was a film actress born in Vienna who held German and French citizenship. She started her career in the German Heimatfilm genre in the early 1950s when she was 15. From 1955 to 1957 she played the central character of Empress Elisabeth of Austria in the Austrian Sissi trilogy. In 1958 she met Alain Delon and they became engaged; Schneider moved to France where she made successful and critically acclaimed films with some of the most notable film directors of that era. Her engagement to Delon ended in 1963 and Schneider subsequently married twice. The son from her first marriage died in an accident in 1981 when he was 14. In May 1982, aged 43, Schneider was found dead of cardiac arrest in her Paris apartment.

ITA

Romy Schneider, pseudonimo di Rosemarie Magdalena Albach-Retty (Vienna, 23 settembre 1938Parigi, 29 maggio1982), è stata un’attrice tedesca naturalizzata francese.

Nata nella Vienna post-Anschluss, Romy Schneider era figlia della tedesca Magda Schneider e dell’austriaco Wolf Albach-Retty, attori di successo in Austria. Il padre, convinto sostenitore del nazismo, abbandonò la famiglia quando Romy era ancora molto giovane, legandosi a Trude Marlen, una nota attrice austriaca anche lei di fede nazionalsocialista. L’allontanamento del padre portò a un rafforzamento del legame di Romy con la madre e con il fratello minore Wolfi, nato nel 1941. Dopo un periodo trascorso in collegio, in cui dimostrò un certo talento per la pittura, tornò in famiglia a Vienna. La madre nel frattempo aveva contratto un secondo matrimonio con un pasticcere di Colonia, in Germania, dove da quel momento visse la famiglia.

Magda Schneider influenzò fortemente Romy nell’intraprendere la carriera cinematografica, nonostante la figlia non ne fosse convinta. Romy apparve per la prima volta sullo schermo all’età di soli 15 anni, nel film del 1953: Wenn der weiße Flieder wieder blüht (Quando il bianco lillà fiorisce di nuovo). Il suo primo successo lo ottenne però l’anno successivo con L’amore di una grande regina (1954), un film sulla giovinezza della Regina Vittoria, per il quale Romy assunse definitivamente il nome d’arte di Romy Schneider, prendendo quindi il cognome della madre, e non quello del padre, che era Albach-Retty.

Il ruolo della baronessa Lehzen, fedele governante della regina Vittoria, venne interpretato proprio da Magda che ricoprirà il ruolo cinematografico della madre di Romy in diversi film girati dalla stessa Romy durante la prima parte della sua carriera, tra cui i più famosi sono quelli della trilogia di Sissi, dedicati all’imperatrice d’Austria Elisabetta. Prodotti nel triennio 19551957, le pellicole consentirono a Romy di ottenere un’immensa popolarità, grazie alla carica di freschezza, ingenuità ed entusiasmo che l’attrice seppe infondere al personaggio. Ancora oggi i tre film sono riproposti spesso in televisione, a dimostrazione del loro perdurante successo. Per il grande pubblico che ignora le interpretazioni della seconda parte della carriera dell’attrice, Romy Schneider è semplicemente identificata come “Sissi”.

Ai film della trilogia seguirono o si inframmezzarono altri lavori più o meno dello stesso tenore, favole romantiche a lieto fine, o commedie divertenti, in cui l’attrice interpretò sempre la parte della fanciulla pura, onesta e allegra, magari solo sfiorata da tentazioni, come in Eva. Confidenze di una minorenne (1958). Durante questi primi anni di carriera, Romy venne guidata dalla madre nella scelta dei ruoli cinematografici e nella cura della propria immagine, mentre il patrigno ne gestì gli aspetti finanziari.

Ma già alla fine degli anni cinquanta l’attrice iniziò a manifestare una certa insofferenza ai ruoli leggeri fino ad allora ricoperti. Romy rifiutò infatti di girare un quarto film sulla vita di Sissi, già in preparazione. Più tardi confesserà a Karlheinz Böhm, l’attore che interpretava il ruolo di Francesco Giuseppe e con cui rimase sempre in amicizia, di vergognarsi profondamente dei film girati in quel periodo. In una intervista pubblicata in Italia su la Repubblica, Böhm ha anche aggiunto di ritenere che questa insoddisfazione di fondo fosse diventata con il tempo un peso per l’attrice e che abbia contribuito (insieme ad altri fattori molto più determinanti) a condurla all’alcolismo e alla depressione che l’afflissero nell’ultimo periodo della sua vita, prima della tragica fine a soli 44 anni.

La tomba di Romy Schneider.

La vera svolta nella carriera di Romy Schneider avvenne con il film L’amante pura (1958). Durante la lavorazione conobbe Alain Delone con lui ebbe una lunga relazione sentimentale, trasferendosi a Parigi. Da questo momento recitò in film di produzione prevalentemente francese e italiana, come La piscina (1968) di Jacques Deray, La Califfa (1970) di Alberto Bevilacqua, Ludwig (1973) di Luchino Visconti, dove fu una ben diversa Elisabetta di Baviera, e La morte in diretta (1979) di Bertrand Tavernier, distinguendosi per la luminosa bellezza e il temperamento drammatico.

Nel frattempo, dopo la rottura con Delon nel 1964, la vita sentimentale dell’attrice fu tormentata e complicata dal fallimento di due matrimoni, eventi che la portarono a depressione e alcolismo, malgrado la nascita di due figli, David, nato il 3 dicembre 1966 dal primo matrimonio con il regista Harry Meyen, e Sarah, nata il 21 gennaio 1977 dalla seconda unione con Daniel Biasini, un giornalista franco-italiano, e divenuta oggi anch’essa attrice. La fragilità e l’equilibrio emotivo di Romy vennero ulteriormente compromessi dalla scomparsa del primo marito Harry Meyen, impiccatosi con una sciarpa nella sua casa di Amburgo.

Inquietante e toccante, il film Fantasma d’amore (1981) di Dino Risi contiene segni premonitori del tragico epilogo cui l’attrice andò incontro nella vita reale.

Ormai distrutta dall’alcol, dall’asportazione di un rene a causa di un tumore e, soprattutto, dalla tragica scomparsa del quattordicenne figlio David (morto il 5 luglio 1981 dopo essere rimasto infilzato in un cancello che tentava di scavalcare a casa dei nonni), la Schneider fu trovata morta il 29 maggio 1982 nella casa parigina del produttore Laurent Petin, al quale era legata da circa un anno. All’inizio la voce di un suicidio ebbe molta diffusione, ma dopo l’autopsia venne stabilita come causa del decesso un fatale arresto cardiaco.

È sepolta accanto al figlio David, a Boissy-sans-Avoir, un piccolo paese vicino alla capitale francese.

Secondo un articolo del 21 dicembre 2009 del quotidiano tedesco Bild, dal 1976 sino alla morte la Schneider fu vittima di spionaggio da parte della Stasi, i servizi segreti della DDR, per il suo sostegno ad un comitato d’opposizione. In verità era nota la sua generosità e il sostegno che dava a diverse iniziative umanitarie e di beneficenza; aiutò in effetti anche un movimento che si opponeva alla dittatura nella allora DDR.

video link : https://www.youtube.com/watch?v=puA5VvaZHkQ

“In realtà è un lavoro sporco essere attrice di cinema.
Attrice! Dobbiamo dare loro tutto il cuore. E in un altro momento, è tutto passato. Siamo seduti o in piedi, piangiamo, ridiamo. Bisogna lasciarsi andare, a vivere la situazione, se vogliamo farlo è bene. Allo stesso tempo, mantenere le distanze, per non impazzire.
So che posso identificarmi con il personaggio che interpreto.
E ‘come se uno ingoia veleno, che si ci abitua ed è una maledizione allo stesso tempo.” cit. Romy Schneider

video link : https://www.youtube.com/watch?v=PrpxcBniV1I

video link : https://www.youtube.com/watch?v=wYbbWkk12gk