My name is Jerry, Jerry Goldsmith

Jerry Goldsmith (February 10, 1929 – July 21, 2004) Jerry Goldsmith

ENG

Jerrald KingJerryGoldsmith (February 10, 1929 – July 21, 2004) was an American composer and conductor most known for his work in film and television scoring. He composed scores for such noteworthy films as Star Trek: The Motion Picture (Which he personally considered his best work),The Sand Pebbles, Logan’s Run, Planet of the Apes, Patton, Papillon, Chinatown, The Wind and the Lion, The Omen, The Boys from Brazil, Capricorn One, Alien, Poltergeist, The Secret of NIMH, Gremlins, Hoosiers, Total Recall, Basic Instinct, Rudy, Air Force One, L.A. Confidential, Mulan, The Mummy, three Rambo films, Explorers and four other Star Trek films.

He collaborated with some of film history’s most accomplished directors, including Robert Wise, Howard Hawks, Otto Preminger, Joe Dante, Richard Donner, Roman Polanski, Ridley Scott, Michael Winner, Steven Spielberg, Paul Verhoeven, and Franklin J. Schaffner.

Goldsmith was nominated for six Grammy Awards, five Primetime Emmy Awards, nine Golden Globe Awards, four British Academy Film Awards, and eighteen Academy Awards (he won only one, in 1976, for The Omen).

Jerry Goldsmith as a child.

Goldsmith, was born 10 February 1929 in Los Angeles, California. His parents were Tessa (née Rappaport), a school teacher, and Morris Goldsmith, a structural engineer.[2] He started playing piano at age six, but only “got serious” by the time he was eleven. At age thirteen, he studied piano privately with legendary concert pianist and educator Jakob Gimpel[3] (whom Goldsmith would later employ to perform piano solos in his score to The Mephisto Waltz) and by the age of sixteen he was studying both theory and counterpoint under Italian composer Mario Castelnuovo-Tedesco, who also tutored such noteworthy composers and musicians as Henry Mancini, Nelson Riddle, Herman Stein, André Previn, Marty Paich, and John Williams.

At age sixteen, Goldsmith saw the 1945 film Spellbound in theaters and was inspired by veteran composer Miklós Rózsa‘s soundtrack to pursue a career in music.[4][5] Goldsmith later enrolled and attended the University of Southern California where he was able to attend courses by Rózsa, but dropped out in favor of a more “practical music program” at the Los Angeles City College.[6] There he was able to coach singers, work as an assistant choral director, play piano accompaniment, and work as an assistant conductor

ITA

Jerrald King Goldsmith, detto Jerry (Pasadena, 10 febbraio 1929Beverly Hills, 21 luglio 2004), è stato un compositore e direttore d’orchestra statunitense, celebre per le colonne sonore cinematografiche che ha composto nell’arco di oltre quarant’anni di carriera. Ha vinto il premio Oscar per la miglior colonna sonora nel 1977 per le musiche del film Il presagio (1976) alla sua decima nomination (in seguito ne ebbe altre 8, ma su 18 canditature totali quella rimase l’unica statuetta vinta).

Nato da una famiglia di emigrati dalla Romania all’inizio del secolo, studia pianoforte con Jacob Gimpel e composizione e teoria musicale con il compositore italiano Mario Castelnuovo-Tedesco.

Gli inizi

Nel 1950, all’età di 21 anni, viene assunto nella sezione musicale del network CBS, per il quale compone molte sigle e musiche di scena di spettacoli radiofonici, fino al 1960. Questa prima esperienza con i network radio-televisivi consente a Goldsmith di collaborare, nei primi anni sessanta, a moltissimi prodotti per il piccolo schermo, tra cui serie molto famose come Ai confini della realtà, Thriller, Dr. Kildare e L’uomo dell’UNCLE (delle ultime due serie è autore anche delle sigle).

Gli anni sessanta

Nel frattempo il compositore conosce Alfred Newman, all’epoca famoso ed influente compositore di musiche per film, il quale aiuta Goldsmith ad affermarsi nell’ambiente della musica cinematografica. Sul grande schermo Goldsmith esordisce nel 1957 con il film Giustizia senza legge di Allen H. Miller. Il suo primo lavoro per un titolo di rilievo è la colonna sonora del western crepuscolare Solo sotto le stelle, interpretato da Kirk Douglas e Walter Matthau: lo splendido tema e l’inusuale approccio di Goldsmith alle atmosfere western consentono al giovane compositore di ricevere delle ottime recensioni. Nel giro di pochi anni si afferma come uno dei musicisti per cinema più sensibili, eclettici, versatili e dotati, e la sua collaborazione è richiesta anche da registi di notevole rilievo.

Tra essi, John Huston, Sam Peckinpah, Otto Preminger, Robert Wise, Howard Hawks, John Frankenheimer.

Gli anni settanta e ottanta

Goldsmith, come i quasi coetanei Elmer Bernstein e John Williams, è capace di costituire il punto di passaggio tra l’impostazione classica delle colonne sonore hollywoodiane di nomi come Miklòs Ròzsa, Franz Waxman, Bernard Herrmann e lo stesso Alfred Newman, e le nuove concezioni del rapporto musica / cinema che vedono la luce in conseguenza degli anni a cavallo del 1968. Il compositore, infatti, non esita ad arricchire la sua tavolozza creativa con sperimentalismi, con ricerca timbrica, con l’inclusione di componenti etniche (laddove richiesto dai film) oppure elettroniche, con l’introduzione di intriganti commistioni tra musica sinfonica classica e musica jazz, blues e persino pop e rock.

Tra le sue opere spiccano dunque anche lavori ai limiti dell’atonalismo, come Il pianeta delle scimmie del 1968, oppure intrise di fredde componenti marziali, come Patton, generale d’acciaio, o, ancora, dominate da ombrose venature jazz, come Chinatown.

Negli anni settanta il compositore californiano collabora con i nomi più autorevoli del “nuovo” cinema. Tra essi Roman Polanski, Franklin J. Schaffner, John Milius, Richard Donner, Peter Hyams.

Dopo l’exploit delle musiche di John Williams per Guerre stellari di George Lucas, del 1977, infatti, si assiste ad un rilancio della composizione romantica e grandemente sinfonica, che lo stesso Goldsmith ha già dimostrato di saper padroneggiare molto bene. In questa cornice, scrive alcuni dei suoi titoli più noti, come Star Trek (del 1979), Masada (1981) (per l’omonima serie televisiva) e Brisby e il segreto di NIMH (1982).

Grande importanza assume inoltre la colonna sonora de Il presagio, del 1976, che farà vincere al compositore il suo unico premio oscar per la miglior colonna sonora, su un totale di 18 nomination. Goldsmith comporrà in seguito le musiche per i due seguiti del suddetto film (La maledizione di Damien e Conflitto finale, rispettivamente nel 1978 e nel 1981).

L’esperienza maturata nel periodo più sperimentale degli anni settanta e la notevole versatilità fanno sì che in questo periodo Goldsmith sia spesso richiesto da registi molto giovani, per i cui film non esita ad accrescere le componenti elettroniche delle sue scelte timbriche.

Gli anni novanta

Tra i registi delle ultime generazioni con cui il musicista lavora, si ricordano Ridley Scott, Joe Dante, George Pan Cosmatos e Paul Verhoeven. Sono proprio per film diretti da quest’ultimo i titoli migliori che Goldsmith realizza nell’ultimo decennio di carriera, tra cui Atto di forza del 1990 e Basic Instinct del 1992.

2000-2004: Le ultime opere

Agli inizi del XXI secolo, il compositore dirada molto la sua attività, anche a causa del progressivo peggioramento delle proprie condizioni di salute, dovute al tumore al colon, contro il quale combatteva da anni. In questo periodo compone partiture cinematografiche quali Nella morsa del ragno (2000), Al vertice della tensione (2001), Star Trek: La nemesi (2002). L’ultima colonna sonora di Goldsmith per il cinema è stata quella di Looney Tunes: Back in Action (2003). In realtà, l’ultima colonna sonora cinematografica effettivamente composta da Goldsmith, fu per il film di fantascienza Timeline – Ai confini del tempo, diretto da Richard Donner, ma il lavoro non fu poi utilizzato nel film.

Other Post – Altri post (Jerry Goldsmith) category :

https://www.originalsoundtrack.it/category/jerry-goldsmith/

7 hours of soundtracks – 7 ore di soundtracks (Youtube k.o. ? try the video link!)

video link : https://ok.ru/video/272099314302

Video list :

video link : https://ok.ru/video/270274792062

video link : https://ok.ru/video/270275250814

video link : https://ok.ru/video/270274988670

video link : https://ok.ru/video/270274857598

video link : https://ok.ru/video/270275381886

video link : https://ok.ru/video/270275185278

video link : https://ok.ru/video/197697473150

Lascia un commento